Nuovo progetto artistico per LA MUNICIPAL! Qui l’intervista con Carmine Tundo

La Municipal ha fatto uscire il 2 marzo, il videoclip di “QUANDO CROLLERÀ IL GOVERNO”, il primo singolo del progetto “Per resistere alle mode”, il nuovo viaggio artistico della band salentina che porterà ad una produzione molto particolare. Il brano è il lato A del doppio singolo “Quando crollerà il governo/Fuoriposto” rilasciato esclusivamente sulle piattaforme digitali e in formato vinile 45 giri: primo passo di un percorso, quello di “Per resistere alle mode”, che amplia il concetto di album e diventa viaggio interiore, attraverso canzoni che mettono a nudo le tante anime, spesso contrastanti, della band dei fratelli Carmine ed Isabella Tundo.

PER RESISTERE ALLE MODE – IL PROGETTO”

Come anticipato, il viaggio di Per resistere alle mode sarà caratterizzato dalla pubblicazione di 5 doppi singoli in vinile 45 giri, a tiratura limitata e con un forte dualismo tra lato A e lato B in ogni uscita.Il tutto verrà poi raccolto e diffuso in una “pubblicazione speciale” che racconterà le tante diverse sfaccettature di questo percorso interiore e vedrà la luce nell’autunno 2020.L’intero progetto Per resistere alle mode non verrà mai stampato su CD, ma si incarnerà in forme e formati di diffusione non convenzionali.

Per resistere alle mode è un ulteriore avvicinamento verso la parte più vera di noi stessi, l’approdo alla consapevolezza di essere Fuorimoda e sentirsi a proprio agio in questa condizione.È questa una presa di coscienza che coinvolge l’intero progetto de La Municipàl, che apre ora al nuovo percorso con molte novità, anche di formazione, oltre ad un rinnovato approccio stilistico e comunicativo. Il 2019 ha visto la band dei fratelli Carmine e Isabella Tundo raggiungere una media di 160mila ascoltatori mensili su Spotify, superando i 4 milioni di stream, e oltre 10 milioni di visualizzazioni su YouTube.

Bellissimi difetti, il loro ultimo, turbolento e passionale album, è stato pubblicato nel marzo 2019 e, abbracciando idealmente le tanto temute imperfezioni, ha tracciato un percorso possibile verso la riscoperta di se stessi e l’accettazione dei propri difetti come caratteristica differenziante e parte centrale del processo di crescita di ognuno di noi.La Municipàl, che in soli due album e un Ep si è imposta come una delle migliori realtà musicali della propria generazione, si prepara a un 2020 molto importante ed intenso,forte dell’apprezzamento che le principali testate nazionali, stampa, radio, tv e web hanno riservato loro nell’anno passato.Come naturale evoluzione, la band è pronta anche per una nuova tournée e per abbracciare un pubblico che, nei mesi passati, è aumentato in misura esponenziale, entusiasta di una dimensione live che mette in risalto l’enorme potenzialità di questo progetto.

Parte il 6 marzo il “Fuorimoda Tour 2020”

LE DATE: 06 marzo | Santa Maria a Vico (CE)| SMAV 07 marzo | Firenze| VIPER 14 marzo| Lecce | OFFICINE CANTELMO 27 marzo| Torino | CAP 10100 28 marzo| Roma | LARGO VENUE 01 aprile| Milano | MAGNOLIA 02 aprile| Parigi | LA BOULE NOIRE/Arezzo Wave in Paris 17 aprile| Sant’Egidio alla Vibrata (TE) | DEJAVU

Medimex 2020: prime anticipazioni per l’edizione di Taranto e Brindisi

Medimex, è il momento di scaldare i motori per l’edizione 2020 che si terrà ad aprile a Brindisi e Taranto.

Come già annunciato al termine dell’edizione 2019, chiusa con un gran successo di numeri e commenti molto positivi, per quest’anno la manifestazione promossa da Puglia Sounds tornerà per la terza volta a Taranto e sbarcherà per la prima a Brindisi, secondo il suo spirito itinerante. Una Spring Edition tutta da scoprire, ma che si anticipa ricca di appuntamenti imperdibili.


Le prime anticipazioni riguardano le mostre fotografiche che animeranno le due città ospitanti dal 16 al 25 aprile.

A Taranto, grazie alla rinnovata collaborazione con la galleria di Bologna Ono Arte Contemporanea, potremo assistere alla mostra ‘John Lennon in New York‘, tributo al genio membro dei Beatles nei suoi ultimi anni di vita.
Toccherà invece a Brindisi mostrare scatti e retroscena della carriera dei The Clash nella mostra incentrata sulla storica band, tra le maggiori del periodo punk a cavallo tra fine anni ’70 e primi ’80.

In attesa di conoscere ulteriori dettagli sull’edizione 2020 del Medimex, possiamo già pregustare l’effetto che ci farà imbatterci in foto storiche dei due percorsi artistici in formato ‘monstre’.

Chissà, magari proprio quella che ha immortalato il bassista Paul Simonon nell’atto della distruzione del suo strumento, scattata da Pennie Smith durante il live dei Clash al Palladium di New York il 20 setembre del 1979 e diventata poi la copertina dello storico album “London Calling”, oppure l’iconico scatto in bianco e nero del 1974 di Bob Gruen con Lennon in terrazza mentre indossa la famosa canotta con “New York City” scritto nel mezzo.