Archivi tag: arezzowave

I RED ROOM SONO SU RKO, ASCOLTATE L’INTERVISTA!

Avevamo già dedicato una recensione su RKO alla giovanissima band barese, i Red Room! Dopo aver vinto per la Puglia il “Music School” di Arezzo Wave ed il Sanremorock sono finalmente arrivati nei nostri studi e sono molto contento!! Eccoli su Avantpop!

L’articolo sulla band lo trovate qui sulla nostra piattaforma mentre la loro pagina facebook è questa REDROOM

Arezzo Wave #unomaggio2020: 15 ore di musica, Quattro palchi “virtuali” con 134 artisti scelti tra gli oltre 1500 che si sono esibiti nella storica kermesse

Maratona non-stop con il meglio del rock mondiale del Primo Maggio con il meglio di Arezzo Wave! Quindici ore dedicate ai 400 mila lavoratori dello spettacolo in Italia, in crisi a causa dello stop per Covid-19.

Quattro palchi “virtuali” con 134 artisti scelti tra gli oltre 1500 che si sono esibiti nella storica kermesse. Non solo concerti e band di culto ma anche interviste, aneddoti e curiosità dal backstage in compagnia del patron Mauro Valenti, presidente della Fondazione Arezzo Wave Italia.

🔥Primo Maggio di Arezzo Wave🔥
su Arezzo TV, canale 214 del digitale terrestre

Dalle 10 fino a tarda notte.

Dalle 10 alle 15 ▶ Wake-up Stage
Dalle 15 alle 20 ▶ Psycho Stage
Dalle 20 alle 1 ▶ Main Stage
Dalle 1 in poi ▶ Elettrowave e non solo

❎ WAKE UP STAGE (dalle 10 alle 15)
Youssou N’Dour, Afterhours, Noir Désir, Gnarls Barkley, Tonino Carotone, Le Luci della Centrale Elettrica, Carlinhos Brown, Apocalyptica, Mannarino, Leningrad Cowboys, Neffa, Fabri Fibra, Negazione, Manu Dibango, Yothu Yindi, Bomba Bomba, Elio e le Storie Tese, Michael Franti, Ivano Fossati, Paolo Nutini, Skunk Anansie, Skin con Cristiano Godano (Markene Kuntz), Alborosie, Caparezza, Carmen Consoli, Petra Magoni e Fausto Mesolella, Subsonica, Levante, Raphael Gualazzi, Kadebostany, Emis Killa, Giovanni Lindo Ferretti, Mau Mau, Gato Preto.

Interviste a Francesco Toldo e Adele di Palma.

❎ PSYCO STAGE (dalle 15 alle 20)
Ben Harper, The Roots, DeWolff, La Rappresentante di Lista, Ministri, Chumbawamba, The National, Max Gazzè, Black Rebel Motorcycle Club, Caparezza, Yann Tiersen, Nina Zilli, Giuliano Palma, Fuel, Fandango, Noa, Mercan Dede, Stella, Emir Kusturica, Dubioza Kolektiv, Marky Ramone, Henry Rollins Band, Tricky, Moby, Nick Cave, Verdena, Jonny Clegg in video con Nelson Mandela, Miriam Makeba, Cypress Hill, LCD Soundsystem, The Kills, Bugo, Baustelle, Anthony & The Johnson, Sinead O’Connor, Elisa, Ani di Franco, Gianna Nannini, Caravan Palace, Fast Animals and Slow Kids, Daniele Silvestri, Paolo Nutini, Kaiser Chiefs, Lou Reed.

Intervista a Mixo.

❎ MAIN STAGE (dalle 20 alle 1)
Afterhours, Ritmo Tribale, Casa del Vento, Negrita, Negramaro, Sonic Youth, Zen Circus, Dandy Warhols, David Byrne, Bandabardò, Moby, Ligabue, Jovanotti, Piero Pelù, Samuele Bersani, La Municpàl, The Good The Bad & the Queen, Mandi Diao, Mika, Vinicio Capossela, Editors, Brunori Sas, Max Romeo, Jimmy Cliff, Julian Marley, Modena City Ramblers, Boomdabash, Ska-P Morgan, Benny Benassi, Elio e le Storie Tese, Manu Chao con Manonegra, Paolo Benvegnù, Marina Rei.

Interviste a Luca de Gennaro (MTV), Giancarlo Caselli, Michael Lang (Woodstock).

❎ ELETTROWAVE (dall’1 in poi)
Chemical Brothers, Placebo, Ok Go, Kraftwerk, Laurent Garnier, Groove Armada, Faithless.

La musica non si ferma: prorogate le iscrizioni ad Arezzo Wave Music Contest 2020

La musica non si ferma: prorogate le iscrizioni ad Arezzo Wave Music Contest 2020 Al via la scuola online e tanti appuntamenti social con gli artisti storici del festival.

Le iscrizioni, completamente gratuite, sono aperte fino al 5 aprile sul sito di Arezzo Wave. Apre Wave Card School, tra i docenti anche Petra Magoni per una masterclass sulla voce il 2 aprile . Su Facebook parte il progetto Arezzo Wave Station con i video degli artisti più iconici e le testimonianze delle tante band di culto che si sono avvicendate sui palchi del festival

Arezzo, 24 marzo 2020 – La musica non si ferma: c’è tempo fino a domenica 5 aprile per iscriversi all’edizione 2020 di Arezzo Wave Music Contest, il concorso per giovani musicisti più longevo e partecipato in Italia. Le iscrizioni sono completamente gratuite sul sito www.arezzowave.com. Al via anche la Wave Card School, una vera e propria scuola online per conoscere da vicino la filiera musicale, mentre su Facebook parte il progetto Arezzo Wave Station, che raccoglie le testimonianze e i concerti storici delle tante band che hanno suonato al festival in oltre trent’anni di storia.

«Priorità alla salute di pubblico, artisti ed operatori del settore, in questo momento di emergenza mondiale a causa del Covid-19 – dice Mauro Valenti, presidente della Fondazione Arezzo Wave Italia –. Tutte le attività nazionali sono necessariamente rallentate per garantire la sicurezza di chi ci segue e degli addetti ai lavori, ma la musica non si ferma. Lo svolgimento di Arezzo Wave Music Contest è ad oggi garantito ed entro l’estate ogni regione d’Italia avrà il suo gruppo vincitore, che si contenderà la vittoria successivamente nel concorso nazionale. Inoltre, per tutti coloro che ne fanno richiesta al momento dell’iscrizione al concorso, c’è la Wave Card, la tessera che permette iscrizioni prioritarie e scontate ad A.R.I.A di Musica, l’Accademy del rock targata Arezzo Wave con corsi di formazione per i mestieri della filiera musicale. Sulla nostra pagina Facebook, infine, stiamo postando i video degli artisti che hanno calcato i palchi del festival per rivivere i concerti degli innumerevoli big della musica che hanno suonato ad Arezzo Wave».

Novità assoluta del 2020, la Wave Card consentirà ai possessori di usufruire anche di sconti sui prodotti della Fondazione Arezzo Wave Italia, oltre a vantaggi in attività commerciali e per gli eventi negli spazi culturali della città di Arezzo. La Fondazione ha lanciato, inoltre, la Wave Card School, per permettere ai musicistidi approfittare di appuntamenti online dedicati alla formazione e all’approfondimento sui tanti settori della filiera musicale, in questo periodo di stop forzato. Gli incontri si svolgeranno tramite la piattaforma digitale dedicata (WAVE3) e sono riservati ad un numero limitato di 15 iscritti, per consentire una migliore interazione tra docenti e partecipanti: venerdì 27 marzo, appuntamento con i Piqued Jacks, vincitori di Arezzo Wave Toscana 2016, mentre giovedì 2 aprile sarà Petra Magoni la docente d’eccezione che darà consigli e suggerimenti sull’uso della voce.

Non si fermano neanche la memoria e il ricordo delle storiche avventure del festival grazie ad Arezzo Wave Station, con la pubblicazione dalla pagina Facebook ufficiale di Arezzo Wave di tanti video, testimonianze e aneddoti. Tra le rarità, l’esibizione di una giovanissima Petra Magoni vincitrice con la sua band, i Senza freni, delle selezioni di Arezzo Wave Toscana nel 1995, lo stesso anno in cui un allora sconosciuto Ben Harper si esibiva per la prima volta in Italia proprio sul palco del Festival. Dal 1987 ad oggi,sui palchi del festival si sono alternate band che hanno fatto la storia del rock italiano come Afterhours, Negrita, Marlene Kuntz, The Zen Circus, I Ministri, Fast Animals & Slow Kids e molti altri.

“Musica contro il Coronavirus”: intervista ad Alice Mazzoni

Musica contro il Corona Virus è il festival di concerti in diretta facebook e instagram, nato per stare insieme digitalmente dopo la prima ordinanza anti contagio da COVID-19 partito il 25 febbraio. Ne parliamo con Alice Mazzoni, che ci racconta anche la nuova collaborazione con Arezzo Wave.

Musica contro il Corona Virus è un’iniziativa nata il 25 febbraio 2020 in seguito all’ordinanza regionale di sospensione di tutte le attività culturali per ridurre il contagio da COVID-19.In un atmosfera distopica da post-guerra-atomica gente che saccheggia i supermercati per fare scorte di cibo, ma poi lascia lì le penne lisce; panico generale, tutti sono epidemiologi, virologi e tuttologi e le fake news serpeggiano; Mentana che fa le maratone del telegiornale a sorpresa… Alice Mazzoni, Nicholas Merzi e Tizio Bononcini si sono trovati a ragionare su cosa poter fare per stemperare la tensione, tentare di rallentare le follie e tenere compagnia a chi è stato obbligato a stare chiuso in casa.

La soluzione era già sotto i loro occhi: una serie di live, poi diventati un festival, completamente online, in diretta su Facebook e Instagram.Tutto ha preso forma all’interno di un evento Facebook. Se prima erano in 3 a ballare l’alligalli, a fine festival il palinsesto si è chiuso con 28 (VENTOTTO) artisti che hanno intrattenuto un pubblico vastissimo, i risultati sono andati oltre qualsiasi aspettativa: Dati solo dei post contenenti le dirette Facebook a festival appena concluso:

più di 45.000 visualizzazioni dei video
più di 350 condivisioni
più di 2.600 like
circa 900 commenti

Mentre l’ultima serata di festival era in corso, l’ordinanza è stata estesa per un’ulteriore settimana… e quindi non era il momento di abbandonare la rete: il primo marzo nasce il gruppo pubblico Musica contro il Corona Virus in cui ogni artista si può esibire liberamente annunciando le proprie dirette, negli orari che preferisce, con la scaletta che vuole.La “prima serata” è gestita dallo staff di Musica contro il Corona Virus, che propone un palinsesto di artisti in evidenza con musica originale.A chiusura della seconda settimana i dati Facebook rilevati lunedì 9 marzo mattina sono:più di 72.000 visualizzazioni delle dirette degli artisti in evidenza più di 650 minuti di musica live in diretta 1885 iscritti al gruppo pubblico 393 like e 407 followers alla pagina ufficiale (in 36 ore dall’apertura)Il 9 marzo è stata annunciata la partnership del festival con KeepOn, l’associazione di categoria dei Live Club e Festival italiani.Il 13 marzo ha preso il via la collaborazione con Arezzo Wave, fondazione trentennale dedicata alla musica emergente.

Chiunque voglia fruire dei concerti in diretta Facebook e Instagram non deve far altro che seguire il festival sui social.

Per ulteriori info, contattaci: http://www.musicacontroilcoronavirus.it

Nuovo progetto artistico per LA MUNICIPAL! Qui l’intervista con Carmine Tundo

La Municipal ha fatto uscire il 2 marzo, il videoclip di “QUANDO CROLLERÀ IL GOVERNO”, il primo singolo del progetto “Per resistere alle mode”, il nuovo viaggio artistico della band salentina che porterà ad una produzione molto particolare. Il brano è il lato A del doppio singolo “Quando crollerà il governo/Fuoriposto” rilasciato esclusivamente sulle piattaforme digitali e in formato vinile 45 giri: primo passo di un percorso, quello di “Per resistere alle mode”, che amplia il concetto di album e diventa viaggio interiore, attraverso canzoni che mettono a nudo le tante anime, spesso contrastanti, della band dei fratelli Carmine ed Isabella Tundo.

PER RESISTERE ALLE MODE – IL PROGETTO”

Come anticipato, il viaggio di Per resistere alle mode sarà caratterizzato dalla pubblicazione di 5 doppi singoli in vinile 45 giri, a tiratura limitata e con un forte dualismo tra lato A e lato B in ogni uscita.Il tutto verrà poi raccolto e diffuso in una “pubblicazione speciale” che racconterà le tante diverse sfaccettature di questo percorso interiore e vedrà la luce nell’autunno 2020.L’intero progetto Per resistere alle mode non verrà mai stampato su CD, ma si incarnerà in forme e formati di diffusione non convenzionali.

Per resistere alle mode è un ulteriore avvicinamento verso la parte più vera di noi stessi, l’approdo alla consapevolezza di essere Fuorimoda e sentirsi a proprio agio in questa condizione.È questa una presa di coscienza che coinvolge l’intero progetto de La Municipàl, che apre ora al nuovo percorso con molte novità, anche di formazione, oltre ad un rinnovato approccio stilistico e comunicativo. Il 2019 ha visto la band dei fratelli Carmine e Isabella Tundo raggiungere una media di 160mila ascoltatori mensili su Spotify, superando i 4 milioni di stream, e oltre 10 milioni di visualizzazioni su YouTube.

Bellissimi difetti, il loro ultimo, turbolento e passionale album, è stato pubblicato nel marzo 2019 e, abbracciando idealmente le tanto temute imperfezioni, ha tracciato un percorso possibile verso la riscoperta di se stessi e l’accettazione dei propri difetti come caratteristica differenziante e parte centrale del processo di crescita di ognuno di noi.La Municipàl, che in soli due album e un Ep si è imposta come una delle migliori realtà musicali della propria generazione, si prepara a un 2020 molto importante ed intenso,forte dell’apprezzamento che le principali testate nazionali, stampa, radio, tv e web hanno riservato loro nell’anno passato.Come naturale evoluzione, la band è pronta anche per una nuova tournée e per abbracciare un pubblico che, nei mesi passati, è aumentato in misura esponenziale, entusiasta di una dimensione live che mette in risalto l’enorme potenzialità di questo progetto.

Parte il 6 marzo il “Fuorimoda Tour 2020”

LE DATE: 06 marzo | Santa Maria a Vico (CE)| SMAV 07 marzo | Firenze| VIPER 14 marzo| Lecce | OFFICINE CANTELMO 27 marzo| Torino | CAP 10100 28 marzo| Roma | LARGO VENUE 01 aprile| Milano | MAGNOLIA 02 aprile| Parigi | LA BOULE NOIRE/Arezzo Wave in Paris 17 aprile| Sant’Egidio alla Vibrata (TE) | DEJAVU

Intervista al “SIgnor Arezzo Wave” Mauro Valenti

Torniamo a parlare del contest Arezzo Wave 2020, lo facciamo con il direttore artistico del festival, il patron Mauro Valenti, che ci racconta le novità di questa edizione e tutte le opportunità offerte alla band che parteciperanno

Tutte le info le trovate su questa piattaforma cercando gli articoli su “Arezzo Wave” oppure direttamente dal sito ufficiale http://www.arezzowave.com

Cliccando qui accedete direttamente alla pagina facebook di AREZZO WAVE PUGLIA

pic scattata nell’ultima edizione di SudWave durante il talk con Giuliano dei Negramaro.

Arezzo Capitale della musica rock, tra novità e giovani talenti: tutto pronto per Arezzo Wave Contest 2020

Riparte il contest per giovani artisti più longevo e partecipato d’Italia: da oggi fino al 22 marzo sarà possibile iscriversi gratuitamente alle selezioni regionali. I musicisti iscritti riceveranno la Wave Card, per agevolazioni su merchandising, concerti e servizi ad Arezzo. In cantiere la creazione di “A.R.I.A di musica”, l’Arezzo Rock Italian Academy.

Intanto, Sudwave Festival 2019 è tra i primi dieci classificati per il ‘Best Indoor Festival’ all’Eurosonic 2020 di Groningen, unico festival a rappresentare l’Italia all’estero.

Arezzo 15 gennaio 2020 – Ci siamo, parte ufficialmente oggi Arezzo Wave Contest 2020, il concorso per artisti più longevo e partecipato d’Italia. L’iscrizione è gratuita e possibile fino al 22 marzo: per le band vincitrici in palio ricchi premi, anche solo iscriversi ad Arezzo Wave Contest permetterà l’accesso automatico alle audizioni per il concorso Primo Maggio Next. Arezzo si conferma così capitale culturale per la ricerca e promozione di talenti:gli iscritti del contest avranno la nuova Wave Card, per agevolazioni per tutti gli appassionati dello storico Festival di musica; tra le novità in cantiere la creazione dell’università del rock, “A.R.I.A. di musica” (Arezzo Rock Italian Academy), corsi di musica a 360 gradi da giugno 2020.

Arezzo Wave Contest è un progetto promosso e realizzato da Fondazione Arezzo Wave Italia, grazie ai partner istituzionali di Regione Toscana e Comune di Arezzo, i partner locali Fondazione Guido d’Arezzo e Fondazione Arezzo Intour, e il partner internazionale Yourope

È ancora luminosa la scia dell’edizione 2019 di Sudwave Festival & Convention. Fino al 18 gennaio, Mauro Valenti, cuore e anima della Fondazione Arezzo Wave Italia, sarà ad Eurosonic Noorderslag2020(ESNS)a Groningen, nei Paesi Bassi, per partecipare alla serata di premiazione degli European Festival Awards, con un compito speciale. Sudwave, infatti,ricoprirà l’onorevole ruolo di rappresentare l’Italia nella categoria ‘Best Indoor Festival’ tra gli 81 festival presenti:Sudwave Festival è tra i primi dieci, unica scelta tra i festival italiani. Nell’occasione sarà presentato il programma di Arezzo Wave a Parigi, con i concerti live del 2-3 aprile 2020 nella capitale francese di Enrico Nigiotti, La Rappresentante di Lista, La Municipàl e La Scapigliatura. L’evento fa parte di “Per chi crea”, programma promosso dal MIBACT e gestito da SIAE per i giovani sotto i 35 anni

Arezzo è da sempre capitale italiana per la musica rockgrazie alle le tante iniziative della Fondazione Arezzo Wave Italia, con Sudwave si candida per essere il punto di riferimento della musica e della cultura anche nel sud d’Europa. Infatti, è in cantiere un progetto innovativo: creare ad Arezzo l’università del rock “A.R.I.A. di musica”, la Arezzo Rock Italian Academy, per organizzare corsi di formazione ad hoc per i musicisti con le più importanti figure della filiera musicale italiana e su argomenti di massima utilità per gli iscritti al concorso musicale. Tra i topic sotto il riflettore in materia di corsi in classe o “on demand” ci saranno il vocal coaching, il report fotografico live, scrittura creativa, arrangiamento, social media marketing musicale, autoproduzione e scelta dell’etichetta discografica, la parte legale da conoscere in un contratto musicale

Attraverso il form di iscrizione ad Arezzo Wave Contest 2020, sarà già possibile per i musicisti iscritti indicare argomenti per loro utili da approfondire nei corsi, oppure quale artista vorrebbero incontrare. Ad ognuno di loro sarà quindi consegnata la Wave Card, che permetterà ai musicisti non solo di avere sconti sui corsi e sul merchandising, accessi prioritari ai concerti di Arezzo Wave, ma anche riduzioni per soggiorni ed altri servizi nella città di Arezzo.

Tutto pronto per il 2020, dunque: iscriversi al contest è facile e gratuito. Negli anni si sono iscritti più di 50.000 gruppi e più di 200.000 musicisti tra i quali Alborosie, i Negramaro, i Joy Cut, The Zen Circus, Mellow Mood, Fast Animals and Slow Kids e moltissimi altri. Due i brani richiesti da inviare al momento dell’iscrizione per poter essere ascoltati dai giurati regionali: dopo la selezione in studio da parte dei rappresentanti regionali, i gruppipotranno suonare alle selezioni live della loro regione (che si svolgeranno da fine marzo a fine maggio) e i migliori gruppi regionali si esibiranno alla finale nazionale ad Arezzo. Nel 2019 molti i premi consegnati: Nuovo Imaie ha conferito ai vincitori friulani The Hunting Dogs 15.000 euro per un tour di almeno 8 date, e i maggiori festival italiani, in collaborazione con Arezzo Wave, hanno ospitato molti dei gruppi finalisti, dal Concerto del Primo Maggio a Roma a Collisioni a Barolo. Grazie alla collaborazione con il Concerto del Primo Maggio, iscriversi ad Arezzo Wave Contest permetterà l’accesso automatico alle audizioni per il concorso Primo Maggio Next.

I gruppi finalisti del contest saranno giudicati dagli amici attivi di Arezzo Wave, ovvero da una giuria composta tra gli altri da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Erriquez e Finaz della Bandabardò, Drigo dei Negrita, Petra Magoni, DJ Ralf, Luca Morino dei Mau Mau, Pianista Indie, dai musicisti Giorgio Prette (ex Afterhours), Marco Montanari e Valerio Corzani, e ancora Mixo di Radio Capital, Claudio Trotta di Barley Arts, Massimo Bonelli del Concerto del Primo Maggio, Giorgio Crana di Collisioni.

Inoltre, Arezzo Wave Contest permette a chi ha i requisiti di accedere automaticamente ad altre due categorie in concorso: Arezzo Wave Music School, dedicato alle band con almeno un musicista che frequenta le scuole medie superiori italiane, e Arezzo Wave Ius Soli per i gruppi formati da giovani italiani di seconda generazione. Per tutte le informazioni necessarie sul più grande concorso live italiano, attivo in ogni regione, basta consultare il sito ufficiale di Arezzo Wave (www.arezzowave.com).

Workshop, corsi e laboratori, confronto continuo con esperti del music managament: l’idea di un’Accademia dedicata ai giovani talenti musicali nasce da lontano e ha trovato esperienza proprio dall’ultima edizione di Sudwave Festival & Convention 2019, in particolare con il progetto Woodstock Wave 50, il corso di formazione realizzato grazie ad uno dei bandi “Per Chi Crea”, promosso dal Mibact e gestito da SIAE, la Società Italiana degli Autori ed Editori. I sei giovani protagonisti, tutte voci di età inferiore ai 35 anni, hanno realizzato una compilation con le più belle canzoni dello storico festival di Woodstock, oggi ascoltabile online sul sito ufficiale (www.sudwave.com).

In attesa di scoprire i volti dei talentuosi artisti del contest, è stata pubblicata la locandina per Arezzo Wave Contest 2020. L’illustrazione quest’anno è a cura di Luca Ralli, disegnatore e artista aretino. Ha già collaborato a riviste come “Linus”, “Carta”, “Cuore”. Fumetti, teatro e letteratura nella sua carriera, segnata dall’incontro con l’autore Stefano Benni per cui ha ideato e realizzato i book trailer di numerosi libri negli ultimi decenni.

Intervista con The Hunting Dogs, Best AW Band 2019

Il duo The Hunting Dogs si forma nel 2013 quando Alba Nacinovich e Marco Germini, durante gli studi jazz al Conservatorio “Giusppe Tartini” di Trieste, “fiutano” una propensione comune verso orizzonti musicali più ampi.  Marco porta nel progetto la sua esperienza nella musica elettronica e nella composizione di colonne sonore, Alba le sue radici rock e l’approccio cantautorale, mentre dal jazz mutuano la libertà di giocare col suono. È così che prende vita il loro electro-shocked pop, che eseguono dal vivo con la tecnica del live looping e con l’ausilio di strumentazione sia acustica che elettronica: sintetizzatore modulare, tastiere, chitarra, drum machine, percussioni e harmonizer.

Vengono invitati ad aprire, prima di Kadebostany ed Elio e le storie tese, il main stage ad Arezzo Wave 2014, quali vincitori del concorso “Sing Happy with Brooks” indetto da Brooks Italia, che sceglie un loro brano quale colonna sonora per lo spot pubblicitario in rotazione su Sky TV. Nel 2015 pubblicano il loro primo EP “Out To Hunt”, al quale collabora con un remix anche il producer/dj di Boston Qwill.

Vincono a Zagabria il “Premio per l’innovazione musicale” al festival Karlovačko Rockoff 2015. La compilation del festival contenente la loro “Petrha” si aggiudica il Porin (massimo riconoscimento della discografia croata) quale Miglior album di artisti vari. Il loro EP entra nei “5 migliori EP del 2015” del quotidianoVečernji List.


Tra le ultime esibizioni spiccano alcuni tra i principali showcase a livello europeo: ArezzoWave (vincitori assoluti dell’edizione 2019, grazie al quale organizzeranno il tour in Italia ed Europa nel 2020), ViennaWaves in Austria e BUSH – Budapest Showcase HUB in Ungheria. L’apertura ai “Tre allegri ragazzi morti” all’Estragon di Bologna, la notte dei musei al MMSU di Fiume (Croazia) per “Fiume capitale della cultura europea 2020”, la rassegna MIMO al Museo d’Arte Contemporanea di Zagabria (trasmessa dal vivo dalla Radiotelevisione Croata) ed il Festival Sajeta di Tolmino (Slo).
Nella prima metà del 2020 è prevista l’uscita del loro primo lavoro full-lenght attualemte in fase di produzione.

Best Arezzo Wave Band 2019: vince il duo The Hunting Dogs. Dal 10 gennaio al via l’edizione 2020

Arezzo Wave Contest 2019: vince l’elettro-pop dei friulani Alba Nacinovich e Marco Germini, al management della band il premio di Nuovo Imaie di 15.000 euro. Ben 38 i giurati amici di Arezzo Wave che hanno espresso il loro parere.

Arezzo 5 dicembre 2019 – Svelato il nome della band vincitrice dell’edizione 2019 dell’Arezzo Wave Contest: il duo friulano The Hunting Dogs si aggiudica il titolo di Best Arezzo Wave Band 2019, il management della band vince così il premio di 15.000 euro offerto da Nuovo Imaie. Con questo successo, il gruppo avrà il diritto di esibirsi in un tour di date in Italia e all’estero. È già tutto pronto per la prossima edizione: dal prossimo 10 gennaio al via il bando per partecipare ad Arezzo Wave Contest 2020.

Sul podio di questa edizione, invece, il premio della critica ‘Sudwave 2019’ è andato al secondo classificato RBSN, progetto musicale del laziale Alessandro Rebesani.

 “La giuria di valutazione dei 20 gruppi finalisti regionali ha conservato un profilo qualitativo e di esperienza altissimo: artisti, operatori musicali e giornalisti di primaria importanza e notorietà sia in Italia che all’estero. Il loro giudizio ha tenuto conto dell’originalità e della qualità delle proposte dei finalisti del nostro Contest. Ringraziamo tutti i nostri giurati che hanno ascoltato attentamente le proposte dei migliori finalisti di Arezzo Wave Contest 2019, scelti tra più di 1.100 gruppi iscritti.”, ha dichiarato Mauro Valenti, presidente della fondazione Arezzo Wave Italia. Tra i 38 giurati molti amici di Arezzo Wave, esperti, giornalisti e numerosi operatori del mondo della musica, organizzatori dei maggiori festival nazionali ed internazionali: da Giuliano Sangiorgi, voce dei Negramaro, a Erriquez e Finaz della Bandabardò, da Luca Morino, cantante dei Mau Mau, a Drigo dei Negrita, e ancora la cantante Petra Magoni, Mixo di Radio Capital, Fernando Ladeiro-Marques di MaMa Event e Véronique Broyer di Lollypop Communication a Parigi, Attilio Perissinotti e Alessandro Ceccarelli di BPM Concerti, Giorgio Crana di Collisioni Festival, Claudio Trottadi Barleys Arts,solo per citarne alcuni.

Si scaldano i motori per la prossima edizione: il bando per partecipare ad Arezzo Wave Contest 2020 sarà fuori il 10 gennaio, le band da tutta Italia potranno iscriversi entro il 29 marzo 2020. L’iscrizione al contest è completamente gratuita e avverrà sul sito (www.arezzowave.com), dove saranno pubblicate tutte le informazioni e il form da compilare. Ai giovani musicisti basterà inviare due loro brani, i propri riferimenti biografici e il relativo materiale informativo.

I vincitori della kermesse di quest’anno, The Hunting Dogs, si preparano intanto alle novità del prossimo futuro. “Il nuovo disco sta per essere ultimato”, dice Marco Germini, del duo friulano: “Non vediamo l’ora di suonarlo dal vivo nel prossimo tour, che seguirà il successo riscontrato ad Arezzo. Siamo molto felici del premio e dell’esperienza live, ci tenevamo davvero a farci ascoltare da un nuovo pubblico, proveniente da ogni parte della penisola italiana”.

AREZZO WAVE MUSIC CONTEST 2019: domenica 19 SELEZIONI salentine AL Jungle di Nardò

Ultima tappa per i live delle selezioni provinciali di Arezzo Wave Music Contest, che in questo mese attraversano la regione Puglia. L’ultima tappa è quella salentina e si terrà domenica 19 maggio presso il Jungle, Parco Raho a Nardò. Con il vincitore della provincia di Lecce avremo infatti l’ultimo nome in scaletta per la finale regionale che si volgerà il 25 maggio al MAT – laboratorio urbano di Terlizzi.

Sono sei e non otto le band scelte, dopo la rinuncia dei Civico 22 e dei Blumosso – dovuta ad impegni precedentemente presi o sopravvenuti – che si giocheranno un posto in questa già impegnativa finale regionale.

A sfidarsi sul palco del Jungle ci saranno: INSANIS, MADISON SPENCER, MISTURA LOUCA, RESPIRO, ROAD FLOWERS, SUCK MY BLUES.

Il contest da sempre tra i più importanti d’Italia, oggi è ancor più sotto i riflettori grazie alla nuova partnership con il Primo Maggio di Roma. In palio infatti c’è la partecipazione, non solo al festival Arezzo Wave in Toscana, ma anche in alcuni festival nazionali e internazionali, come Collisioni Festival, SMIAF, Pollino Music Festival, Metaponto Beach Festival, Farci Sentire Festival, Girotonno Festival in Sardegna, ed anche il prestigioso palco del Primo Maggio Roma 2020.

La giuria, composta da professionisti del settore, sotto la supervisione del responsabile regionale Carlo Chicco, avrà l’arduo compito di scegliere una sola band.  

Jungle – Parco Raho, via Raho 15/A, Nardò

Le Selezioni sono curate dall’Ass. Microsolco in collaborazione con l’emittente RKO e la Lobello Records

www.rkonair.com infoline:  info@rkonair.com