Archivi categoria: Musica

“Evil Outside”: intervista con The Rumblers!

Oggi ospiti di AvantPOP ci sono i The Rumblers! Alessio Virno e Joe Leali parlano del nuovo singolo “Evil Outside” e dell’album in arrivo!

La band composta da Alessio Virno (chitarra e voce) , Joe Leali (contrabbasso, voce, stompbox, armonica) e Teo Carriero (batteria) vi condurrà in un viaggio attraverso gli anni’ 50 tra Jump blues, rock ‘n’roll, rockabilly, country e blues made in U.S.A. nella dimensione primordiale e familiare degli albori del rock.
Vivrete l’atmosfera di una festa in una fattoria di campagna statunitense, tra pinte di birra, buon cibo, balli e canti corali!!! La band ha da poco registrato un disco di brani inediti intitolato “Take it with the right spirit”,anticipato dal singolo e dal video di “Evil outside”, canzone realizzata durante il lockdown che parla di questo periodo difficile.

La formazione,in continua evoluzione,sta già lavorando al nuovo materiale inedito,che va ancora di più ad ampliare le sonorità da cui da sempre attinge,varcando i confini del “vintage”.. Stay tuned!!!


The Rumblers vi aspetta per fare festa insieme!!!

La band:
Alessio Virno (chitarra, voce)
Joe Leali (contrabbasso, voce, armonica)

Lunedì 15 giugno – Canzoniere Grecanico Salentino per “Live is life” al Castello Volante di Corigliano d’Otranto e sul web

“LIVE IS LIFE”: LUNEDÌ 15 GIUGNO IN TUTTA ITALIA UN VIAGGIO A TAPPE DA NORD A SUD IN UN’UNICA SIMBOLICA GIORNATA CHE SEGNA IL RITORNO ALLA MUSICA DAL VIVO. DALLE 21 NELL’ATRIO DEL CASTELLO VOLANTE DI CORIGLIANO D’OTRANTO E IN DIRETTA WEB APPUNTAMENTO CON IL CANZONIERE GRECANICO SALENTINO.

Il Canzoniere Grecanico Salentino sarà tra i protagonisti di “Live is life“. Lunedì 15 giugno alle 21 l’ensemble guidato dal violinista Mauro Durante si esibirà nell’atrio del Castello Volante di Corigliano d’Otranto (ingresso su invito – info@seifestival.it) e in diretta facebook e youtube.

Canzoniere Grecanico Salentino

Live is life è un viaggio a tappe da nord a sud in un’unica simbolica giornata che segna il ritorno alla musica dal vivo con BoostaAscanio CelestiniGiovanni TruppiIacampoGuano Padano e altri. Tante regioni e tante città (Torino, Milano, Padova, Bologna, Pesaro, Firenze, Prato, Bari) unite dai primi concerti live del paese dopo il lockdown da Coronavirus per questo appuntamento voluto per gridare che “il live è vivo e suona insieme a noi“.

La tappa di Corigliano d’Otranto – organizzata dal Castello Volante nell’ambito del festival Sei – Sud Est Indipendente firmato da Coolclub in collaborazione con Comune di Corigliano d’OtrantoBigSurCinema del RealeMultiservice EcoVini Garofano – ospiterà il Canzoniere Grecanico Salentino, vincitore del premio come “Miglior gruppo di world music al mondo” (che nessun italiano aveva conquistato prima) ai Songlines Music Awards 2018. Fondato nel 1975 dalla scrittrice Rina Durante, il CGS è  il più importante gruppo di musica popolare salentina, il primo ad essersi formato in Puglia. Quarantacinque anni di storia che lo hanno visto crescere e rinnovarsi e oggi raccogliere i frutti di un lavoro che non ha mai smesso di guardare coraggiosamente al futuro. Guidato dal tamburellista e violinista Mauro Durante, che ha ereditato la leadership dal padre Daniele nel 2007, la formazione è oggi composta da Alessia Tondo (voce e percussioni), Silvia Perrone (danza), Giulio Bianco (zampogna, armonica, flauti e fiati popolari, basso), Massimiliano Morabito (organetto), Emanuele Licci (voce, chitarra, bouzouki) e Giancarlo Paglialunga (voce, tamburieddhu).

Ideato, prodotto e promosso dal 2006 dalla Cooperativa CoolClub con la direzione artistica di Cesare Liaci, il Sei festival  sostenuto dal Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibac e dalla Regione Puglia e realizzato in sinergia con numerosi partner pubblici e privati – nel corso degli anni ha portato nel Salento le sonorità più interessanti della musica italiana e internazionale, offrendo al pubblico una panoramica ampia e variegata della musica dal punk al cantautorato, dal rock allo ska, dal folk ai ritmi in levare.

Il Castello Volante è un progetto promosso e realizzato da Multiservice Eco,Big Sur e Coolclub in collaborazione con il Comune di Corigliano d’Otranto, vincitore del bando per l’adeguamento degli attrattori turistici all’accoglienza di attività di spettacolo dal vivo della Regione Puglia. Il Castello Volante nasce per avviare un nuovo corso dell’antico maniero improntato alla riscoperta e alla tutela dei beni immateriali, al nutrimento del pensiero, alla filosofia e ai pensieri “che volano” per animare il borgo con una serie di attività che abbracciano la musica, il cinema, l’arte contemporanea, la danza, il cibo, la letteratura, i nuovi mestieri e l’artigianato. Una serie di azioni strutturate che abitano lo spazio per tutto l’anno, integrando la regolare e consueta programmazione attuata dal Comune. Un castello dell’immaginario, come fosse un inedito di Italo Calvino, la celebrazione dell’immaginazione e delle sue innumerevoli gemmazioni.

Mei News: Palinsesto della prossima settimana del Meiweb e molto altro

Segnaliamo gli articoli pubblicati su MEI Web, che in questa settimana cruciale per il futuro della musica in Italia propone alcune letture che danno conto di quanto si stia muovendo dall’interno per salvare un settore “invisibile”, che ha però generato nel 2019 più di 250 milioni di euro secondo le rilevazioni SIAE (fonte Il Sole 24ore).

Per approfondire i temi legati ai musicisti indipendenti in Italia, gli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente, IndieRecordStoreDay il 20 giugno, l’appuntamento Facciamo i musicisti! di oggi alle 21:00 e molto altro vi invitiamo a leggere gli articoli:

Parlamento: serve un rilancio concreto ora per gli indipendenti in Italia, gli interventi di J -Ax ad Amici e di Giordano Sangiorgi del MEI

Fedez risponde alla proposta degli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente, faro’ concerti per 200 persone per sostenere la filiera della musica

IndieRecordStoreDay il 20 giugno nei negozi di dischi e strumenti musicali indipendenti, anteprima web tv il 19 giugno, tra gli ospiti Winston Smith e Paul Roland, Cristiano Godano, Omar Pedrini, Gianni Maroccolo e tanti altri

Il Falò di casa tua presenta: Facciamo i musicisti! Domenica 14 Giugno ore 21. Interventi di: Paolo Enrico Archetti Maestri, Giordano Sangiorgi, Fabrizio Tavernelli, Daniele Bianchessi, Enrico Capuano, Mirco Pedretti

La settimana del MEI è sempre più ricca di appuntamenti da non perdere: i LIVE MEI, La Storia Siamo Noi Reload a cura di Jonathan Giustini, STORIE DI MUSICA con Alberto Salerno, Presentazione del libro di Claudia Venuti, Salotto di Donella – Chez Donella e tanto altro.

Guarda qui il palinsesto MEI web completo da lunedì 15 giugno a domenica 21 giugno.

RETE DEI FESTIVAL INVITA
RETE dei FESTIVAL: Rossana Luttazzi è la Presidente Onoraria: ecco l’intervista!“IO SONO L’ALTRO” DI NICCOLÒ FABI VINCE IL PREMIO AMNESTY NELLA SEZIONE BIGAPERTA LA CALL DI _resetfestival 2020 DEDICATA AI MUSICISTI EMERGENTI LA XII EDIZIONE SI SVOLGERÀ DAL 5 AL 10 OTTOBRE ALL’OFF TOPIC DI TORINO

Robert Doisneau e la fotografia poetica di un mondo ideale

Nella puntata di “Rumore” di Martedì ci siamo immersi nella Francia degli anni 40’-50’. Il fotografo protagonista di questa puntata è famoso per essere riuscito a raccontare per immagini la “francesità”, le sue fotografie riflettono lo spirito della nazione e sono diventate sinonimo dello stile di vita francese.

Ascolta la puntata:

Uno dei suoi scatti più celebri è “Le Basier de l’hotel de ville”, una fotografia che cattura uno dei baci più conosciuti di sempre, entrato ormai nell’immaginario collettivo, ma che nasconde una storia che sfata la sensazione di spontaneità e naturalezza che a prima vista evoca.

Attraverso i suoi occhi vediamo un mondo ideale, il mondo come lui voleva che fosse, dominato dall’ingenuità dei bambini, dalla bellezza e dal romanticismo. Dunque, con le sue foto non siamo difronte ad una realtà oggettiva. Insieme ad Henri Cartier Bresson, Doisneau è uno dei primi esponenti del fotogiornalismo di strada, nelle sue fotografie c’è un profondo romanticismo, ma anche tutte le caratteristiche di quella che era la fotografia umanista.

Se vi foste persi la puntata, potete ascoltarla in podcast, ma non perdetevi il prossimo appuntamento Martedì prossimo alle 18.00.

A LOCOROTONDO ARRIVA IL LOCUS FESTIVAL 2020 LIMITED EDITION! DALLE FOTOGRAFIE DI GUIDO HARARI AI CONCERTI, INCONTRI E CINEMA. PRIMI LIVE CONFERMATI: CALIBRO 35, MICHAEL LEAGUE E BILL LAURANCE (SNARKY PUPPY)

Come promesso e nonostante tutto, anche nel 2020 Locorotondo offrirà il suo Locus Festival sia pur in versione Limited Edition. Già dalle prime anticipazioni, appare evidente come i limiti di quest’anno diventeranno dei pregi, per un festival che non ha mai rinunciato alla qualità per la quantità. Il tutto come sempre nell’accogliente contesto della Valle d’Itria, cuore di Puglia.

Dal 7 al 23 agosto 2020, il centro di Locorotondo sarà percorso da “SONICA”, una speciale mostra fotografica delle opere di GUIDO HARARI allestita fra il centro storico ed il Complesso di Sant’Anna di Renna: lo stesso autore, fra i più celebri fotografi di musica al mondo, sarà presente al Locus per un talk pubblico.
Altri incontri speciali e cinema all’aperto (a fruizione gratuita) animeranno il borgo di Locorotondo, ed ovviamente non mancherà la musica dal vivo di cui abbiamo due prime importanti anticipazioni.

Riconfermati al Locus 2020 i CALIBRO 35 per un progetto live speciale. Questa band italiana di alto profilo internazionale, è forse attualmente il progetto musicale più affine al carattere del Locus Festival, e siamo felicissimi di poter riavere i Calibro in programma quest’anno.

Altro grande amico del Locus, il geniale bassista e compositore americano MICHAEL LEAGUE, leader della formidabile band SNARKY PUPPY, sarà a Locorotondo in duo con il pianista BILL LAURANCE, anche lui pluripremiato e membro originale degli Snarky. Un esperienza davvero preziosa e coinvolgente per tutti gli amanti della buona musica dal vivo.

Abbiamo bisogno di ancora qualche giorno per confermare location e date definitive di questi concerti, che saranno a pagamento con un numero limitato di posti a sedere distanziati, in regola con i protocolli di sicurezza anti-Covid19 già noti. I biglietti saranno in vendita esclusivamente tramite l’app DICE.fm, scaricabile liberamente su tutti i dispositivi Android e iOS.

La stessa app, renderà fruibili liberamente (o con donazioni volontarie) le dirette di alcuni eventi in live streaming con DICE TV, e sui canali social del festival. In questo modo potremo restare in contatto con tutti i vecchi e nuovi fans del Locus che non potessero essere presenti sul luogo.

Per adesso restiamo tutti in contatto in attesa dei prossimi annunci e dettagli: non mancheranno altre belle e importanti sorprese!
Continua anche il lavoro per il Locus Festival 2021 in cui stiamo riposizionando diversi artisti cancellati dall’emergenza quest’anno.

15 AGOSTO, raccontato in Satelliti – Storie di immagini

In onda oggi alle 19:00 su RKO la puntata due di Satelliti – Storie di immagini di e con Emiliano Picciolo.

PT. 2 – 15 agosto

La terza fotografia satellite che gira intorno a queste storie rappresenta una piazza gremita di gente illuminata dalle luci della festa in catartica ammirazione della banda.
Ritrovare questa foto che hai fatto con lo smartphone al negativo di una pellicola colore medio formato di qualche anno fa, ha fatto riemergere le sensazioni che ti provoca da sempre un particolare giorno dell’anno: il 15 agosto.

In scaletta oggi:

Almamegretta – Sudd

Opa Cupa – A Tubo

Marcia Ticinese

Ibrahim Maalouf – Toucher les étoiles

Opa Cupa – Ligonziana

London Simphony Orchestra – Bolero (M. Ravel)

Ecco i 4 finalisti pugliesi per il contest Arezzo Wave!

Arezzo Wave Puglia 2020. Siamo quasi giunti alla conclusione del contest per band emergenti Arezzo Wave, contest radicato da anni in tutta Italia, che da sempre è alla ricerca di nuovi talenti da lanciare sul mercato discografico nazionale.  La nostra regione continua la sua ricerca, malgrado quest’anno sia stato molto difficile seguire tutte le fasi del contest. Abbiamo ugualmente, dopo due diverse selezioni in web,  i nomi dei 4 finalisti che si sfideranno in finale per accedere al palco nazionale. Ovviamente la pandemia che ha colpito tutto il mondo in questi mesi, ha condizionato la nostra vita e colpito soprattutto il mondo dello spettacolo  che ha dovuto e deve tutt’oggi reinventarsi per poter sopravvivere. Inizialmente avevamo pensato ad una finale a porte chiuse in diretta streaming ma per non incorrere ugualmente in problematiche legate alla prevenzione e distanziamento sociale, abbiamo deciso ed optato per una ulteriore versione “online”. I live si svolgeranno sul web, in diretta radio ma anche in video, con la giuria collegata tutta in diretta. Un modo strano ed inusuale per una finale che ha sempre puntato alle performance live con il supporto del pubblico, che in questo caso potrà interagire solo in chat ma che in ogni caso potrà seguire i vari set in diretta, comodamente da casa.  

Le band che passano il turno e sono in finale regionale per la Puglia sono:

Gli ASHA che arrivano da Lecce, i BRAGLEI da Brindisi, i BOTANIQVEBUCKWISE da Bari. Queste band si sfideranno a fine giugno, in data ancora da definirsi, per garantirsi un posto sul palco nazionale a novembre, sperando che il festival nazionale possa svolgersi normalmente come ogni anno. Invece un premio speciale lo vincono i Redroom, giovanissima band barese, che a pieno diritto sono la Best Band Puglia per “Music School”,  sezione dedicata ai giovanissimi iscritti al festival, proiettando di fatto il gruppo verso la selezione nazionale.

 La finale di Arezzo Wave in Puglia si svolgerà in diretta radio su RKO (www.rkonair.com) e diretta video sulle relative pagine social, tutti i dettagli verranno svelati nelle prossime ore! Il responsabile regionale per la Fondazione Arezzo Wave in Puglia Carlo Chicco ringrazia tutti gli amici, tra responsabili provinciali e professionisti del settore, che hanno partecipato alle selezioni come Tore Nobile, Ciro Merode, Marco Schnabl (Foghenaist), Stefano Limone (Doc Servizi), Tommi Bonvino (GRF/RKO) , Gaetano Innamorato (Klap Hub / RKO), Tobia Lamare (Lobello Rec /RKO).

Tutti gli aggiornamenti li trovate sulla pagina ufficiale facebook di Arezzo Wave Puglia e su RKO  www.rkonair.com / infoline redazione@rkoanir.com

ECCO LA TOP5 DEI SINGOLI DELLA SETTIMANA PER AVANTPOP! 01/05 Giugno

AvantPOP 1/5 giugno. I singoli della settimana scelti da Carlo Chicco!

N1. Iniziamo da Cristiano Godano che inizia il suo percorso da solista, rispetto ai Marlene Kuntz, con un album intitolato “Mi ero perso il cuore”. Il primo singolo estratto è “ti voglio dire”

N2. Ho scelto il nuovo deiThe Flaming Lips! La band ha  condiviso il nuovo brano “Flowers of Neptune 6”  che gioca con un buon “pop estivo” ma nello stesso tempo nostalgico. Girato nella loro città natale Oklahoma City, il video che accompagna il brano è stato diretto da Wayne Coyne e George Salisbury!

N3. Abbiamo presentato in settimana l’uscita discografica di un artista pugliese (l’articolo completo lo trovate su questa piattaforma!), lui si chiama Junior V ed il suo nuovo singolo è “Odore d’incenso” #pugliaconnection

N4. E’ uscito anche il nuovo singolo per Lenny Kravitz! Questo è il video del suo nuovo singolo “Ride”, estratto dall’ultimo album Raise Vibration. Il video è stato diretto dall’acclamato fotografo Mark Seliger e girato in Francia, tra Parigi e Senlis.


N5. La band statunitense dei Protomartyr ha condiviso oggi il video per il nuovo singolo “Michigan Hammers”, tratto dal loro nuovo album “Ultimate Success Today” in uscita il prossimo 17 luglio. Il video che accompagna il brano è stato diretto da Yoonha Park ed è stato ideato utilizzando solo filmati d’archivio. A tal proposito Park: “Questo video riprende una leggenda del folklore del Michigan che descrive le tematiche senza tempo del potere, dell’avidità, della morte e della rinascita e del conflitto tra bene e male”.

Medimex D dal 3 al 21 giugno la prima music conference internazionale digitale: intervista con Cesare Veronico

Ospite di RKO, il coordinatore artistico del Medimex Cesare Veronico, intervistato da Carlo Chicco, ci racconta la versione 2020 del festival, quest’anno in versione “digitale”!

Venerdì 5 giugno si discute del futuro dello spettacolo dal vivo con Jan Ole Otnaes (Nasjonal Jazzscene, Oslo), Christoph Huber (Porgy & Bess, Vienna), Raffaele Casarano (musicista) e Roberto Ottaviano (musicista)

Prosegue Medimex D, la prima music conference internazionale digitale in programma sino al 21 giugno promossa da Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato dal Teatro Pubblico Pugliese. Un’importante occasione di confronto, approfondimento e sviluppo online di tematiche imprescindibili per il presente e il futuro della musica con workshop, approfondimenti professionali, live stream, webinar, focus sulla scena internazionale, formazione continua e una speciale lezione di Rock dedicata alla musica pugliese.

Venerdì 5 giugno alle ore 11.00 si discute del futuro dello spettacolo dal vivo con il webinar, in lingua inglese, Live streaming and connected experiences con Jan Ole Otnaes (Nasjonal Jazzscene, Oslo), Christoph Huber (Porgy & Bess, Vienna), Raffaele Casarano (musicista) e Roberto Ottaviano (musicista). Modera Ernesto Assante
In che modo i locali e i club europei hanno utilizzato il live streaming, il network building e altri strumenti per rispondere alla crisi delle ultime settimane? Quali le esperienze degli artisti? Difficoltà, successi, monetizzazione del live streaming, raccomandazioni. Quale sarà la realtà dello spettacolo dal vivo di domani? Come avverrà la riapertura e qual è il futuro di quei locali e club che sono in molti casi punti di riferimento nel loro territorio? Qual è il punto di vista degli artisti?. Proseguono inoltre i due appuntamenti Puglia Sounds Musicarium Autoproduzioni con Antonella Rizzi e Ritratti Rock. Corso avanzato di fotografia con Giovanni Canitano.

raffaele casarano -noè- ## ph roberto cifarelli

Tutti gli appuntamenti di Medimex D sono a partecipazione gratuita, per alcuni appuntamenti è prevista registrazione obbligatoria dettagli e modalità di partecipazione sul sito web medimex.it

JUNIOR V presenta “Odore d’incenso” su Avantpop

Oggi ospite di Avantpop su RKO c’è Junior V. Avremmo dovuto condividere con l’artista pugliese il suo showcase ma per ovvi motivi non si è più tenuto. Parliamo del suo nuovo capitolo capitolo musicale che si chiama “Odore d’incenso”

Viviamo di pregiudizi e idee preconfezionate. Spesso l’unico modo per andare oltre i nostri limiti è osservare la natura. Prendete il serpente. Esiste un momento in cui la sua genetica lo porta all’inevitabile cambiamento: la muta. Cambiare pelle, abbandonare il proprio abito e concedersi al nuovo, il rinnovamento nel senso proprio del termine. Per un’artista, lo stile musicale, il look che ne deriva e il microcosmo che lo caratterizza, a volte hanno bisogno della muta. Junior V lo può testimoniare. 

Nato a Bari, ma solo per un errore della cicogna dato che la sua vera terra natia è e sarà sempre la Giamaica, Vincenzo Stallone è vissuto nel culto del reggae. Senza rinnegare la sua vita in levare – trampolino di lancio culturale che gli ha consentito di vedere il mondo nell’ottica di un umanesimo genuino – Junior V sente ora la necessita di dare un taglio ai dreadlocks e non solo in senso tricologico.  


Il nuovo capitolo artistico si intitola Odore d’Incenso. Senza rinnegare i trascorsi all’insegna della musica reggae, oggi Junior V abbraccia una scrittura indie folk. Un percorso a cui il giovane cantautore pugliese approda usufruendo di una produzione musicale di altissimo livello: il master è stato realizzato agli Abbey Road Studios londinesi da Christian Wright, un sound engineer dal pedigree di tutto rispetto. Vanta collaborazioni con Ed Sheeran, Franz Ferdinand, Blur, Ben Howard, Radiohead, Bon Iver…
La rinascita artistica di Junior V è totale al punto di rinnovare anche la scelta linguistica. Nel suo nuovo percorso, abbandona l’inglese per abbracciare l’italiano. 


Ma chi meglio dell’artista può raccontare da dove nasce l’ispirazione di Odore di Incenso
‘Odore d’incenso’ è uno dei brani più intensi che abbia mai realizzato. Ho scritto questa canzone alle 4 di mattina di un lunedì sera: pioveva e un incensiere continuava a bruciare dentro la mia stanza. Ho sfogato la rabbia che avevo dentro, o forse era delusione per un amore consumato dalle incertezze.
Che il brano sia figlio di una notte insonne si evince sin dal principio. Paste sottovoce, cresce lentamente, come l’esplosione di un vulcano. Una canzone nata nell’intimità soffocante delle proprie quattro mura, si sprigiona nel ritornello e vola come un uccello, grida come un urlo nel Grand Canyon con la sua eco in costante crescendo. Schietta e tagliente, la canzone mantiene la spontaneità della genesi di un brano chitarra e voce, per rivelare in un emozionante climax un arrangiamento rock di classe infinita. Parola d’ordine: stile.