Outtanowhere! Puntata #11 – 06/04/2020

Scaletta

1. Blur – Out Of Time
2. Frank Ocean – Dear April (Justice remix)
3. Einstürzende Neubauten – Ten Grand Goldie
4. Yves Tumor – Gospel For a New Century
5. Sorry – Right Round The Clock
6. Iceage – Lockdown Blues
7. Pigs Pigs Pigs Pigs Pigs Pigs Pigs – Rubbernecker
8. Ty Segall – Gotta Get Up
9. Ulver – Little Boy
10. Warmduscher – Midnight Dipper (Soulwax remix)

#thesongremainsthesame

11. Nick Murphy aka Chet Faker – No Diggity
12. Blackstreet feat. Dr Dre and Queen Pen – No Diggity
13. Bill Withers – Grandma’s Hands

14. Angel Olsen – Il cielo in una stanza

Podcast:

https://www.spreaker.com/show/outtanowhere

I CRIFIU presentano il nuovo videoclip “eppure l’Italia va avanti” interamente girato in casa

Puglia Connection. Oggi parliamo con i Crifiu del nuovo videoclip “Eppure l’Italia va avanti”, ideato, girato e montato interamente da casa nel rispetto della normativa vigente, il lavoro della band salentina è il racconto di un’Italia unita che, nonostante tutto, non perde la voglia di andare avanti

È online il nuovo videoclip della band salentina Crifiu dal titolo Eppure l’Italia va avanti (un brano estratto dal loro ultimo lavoro discografico Mondo Dentro. Il lavoro è stato realizzato interamente da casa nel rispetto della normativa vigente sulla quarantena e coinvolgendo centinaia di amici, fans, artisti, lavoratori impegnati in prima linea nella battaglia contro il Covid-19, addetti ai lavori e gente comune che dai loro angoli di mondo, sotto lo stesso cielo, raccontano un’Italia unita che, nonostante le difficoltà e il dramma globale, è ancora capace di tenere vivo il Desiderio e ritrovare il sorriso.

“La canzone -raccontano i Crifiu– è nata in tempi precedenti a questa crisi e apre il nostro ultimo album ma proprio in questi giorni trova il suo significato più profondo: l’unione delle nostre singolarità, oggi più che mai, diventa indispensabile per oltrepassare il diluvio e ritrovare l’arcobaleno.  Nella distanza che ci tiene lontani stiamo riscoprendo il senso della Comunità, l’essere parte di un tutto, l’uno prezioso per l’altro perché solo insieme, uniti ma distanti, possiamo venirne fuori rialzandoci e ritrovando la strada. “L’Italia va avanti”: vederlo cantare da tante persone, ognuno dai propri angoli di vita e da tutta Italia e non, rende ancora più corale questa canzone e ci fa sentire tutti uniti. In fondo cantare, suonare e danzare, per noi che veniamo dal Salento, è l’antico modo che conosciamo per superare la crisi e ritornare a splendere. Nella speranza che questa esperienza possa farci ritrovare il Dialogo e l’equilibrio con la Natura di cui, abbiamo compreso in questi giorni, siamo una fragile parte e non i proprietari”.

Nel video –ideato dalla band, prodotto da Dilinò e montato da Giuseppe Pezzulla– centinaia di clip casalinghi raccontano i volti, le azioni e i sorrisi di tante persone raccolte attorno alle note di questa canzone. Tra di loro, compaiono numerosi artisti da Cisco a Francesco Moneti dei Modena City Ramblers, da Nandu Popu dei Sud Sound System ai Folkabbestia, musicisti degli Apres la Classe e del Canzoniere Grecanico Salentino, speaker radiofonici e giornalisti, infermieri, dottori e centinaia di volti che raccontano la bellezza di un’Italia unita che, nella distanza, sta tenendo vivo il Desiderio che sarà il fuoco attorno cui ritrovarsi, usciti dal letargo, come nuove Primavere.

Dopo il successo di Rock & Raï  -il cui videoclip ha sinora fatto registrare più tre milioni di visualizzazioni- e altre hit come Al di là delle nuvoleUn’estate cosìMondo Dentro la band salentina composta da Andrea Pasca (voce), Luigi De Pauli (chitarre e synth), Sandro De Pauli (fiati e programmazioni), Marco Afrune (basso) ed Enrico Quirino (batteria acustica ed elettronica), più volte presente sul palco del Primo Maggio di Roma, allo Sziget di Budapest e ai maggiori festival nazionali, torna con un nuovo brano dedicato a tutte le persone che nel mondo stanno vivendo questo evento, alle vittime, ai loro famigliari e a chi sta combattendo questa battaglia in prima linea. Uniti ma distanti per ritornare ad abbracciarci.

Le notizie del giorno. Calo dei contagi in italia, studi sul vaccino. Cosa faremo a Pasqua ed in estate?

NOTIZIE NAZIONALI

L’andamento del contagio in Italia

Cala il numero di morti in tutta Italia insieme al numero di ricoveri con sintomi ed in terapia intensiva. (In Puglia solo +77 casi e 9 deceduti)

Il professor Salvatore Grasso, medico di rianimazione del policlinico di Bari ha parlato questa mattina su Rai tre di “crollo dei ricoveri” e del raggiungimento di una situazione di stabilità, ossia si è probabilmente raggiunto, più che il cosiddetto picco, meglio dire il plateau, ossia una sorta di altopiano della curva contagi, che prelude al previsto e seguente calo. I picchi sono infatti stati diversi, uno per ogni focolaio. 

I malati Covid-19, oltre ad insufficienza respiratoria, da polmonite, manifestano altre insufficienze: una coagulazione più acuta; talvolta manifestano insufficienza renale; complessivamente una iper infiammazione

Vaccini. Novità sugli studi svolti da scienziati in tutto il mondo. Trovato un farmaco che in vitro arresta la crescita cellulare in 48 ore – Fonte  Close up Engineering

Numerose sperimentazioni sono in corso per trovare un vaccino valido e scienziati di tutto il mondo ci stanno lavorando. 

L’ultima novità riguarda la possibilità di somministrare attraverso un cerotto

Alcune di queste sperimentazioni hanno sfruttato il farmaco tocilizumab, già in precedenza utilizzato nella cura dell’artrite reumatoide, su alcuni pazienti a Napoli oppure il Plaquenil, utilizzato solitamente contro la malaria, che potrebbe rappresentare un ruolo chiave nella lotta al coronavirus. 

Il virus SARS-CoV-2 sfrutta le cellule per replicarsi, finchè non c’è qualcosa che riesca ad interrompere il meccanismo.

Ad oggi, arrivano nuove notizie dall’Australia dove, presso la Monash University, è stato testato su una coltura cellulare in vitro un farmaco antiparassitario che avrebbe interrotto la crescita cellulare nel giro di 48 ore.

L’Ivermectin è un antielmintico, ovvero un medicinale utilizzato per uccidere ed espellere vermi parassiti intestinali e approvato dalla FDA che ha anche dimostrato di essere efficace in vitro contro una vasta gamma di virus tra cui HIV, Dengue, influenza e il virus Zika.

Ovviamente, questi risultati sono stati raggiunti in vitro perciò, prima di arrivare ad un risultato affidabile e definitivo il percorso è ancora lungo perché è necessario determinare il corretto dosaggio nell’uomo, affinchè sia sicuro ed efficace per l’uomo e, successivamente testarlo effettivamente. Dunque, l’uso di Ivermectin per combattere il Covid-19 dipenderà dai risultati di ulteriori test preclinici e, in definitiva, da ulteriori studi clinici.

Comunicazione sanitaria

Grasso ha manifestato la difficoltà che i medici di terapia intensiva si sono trovati ad affrontare quando hanno dovuto evitare la presenza fisica dei familiari dei pazienti. La terapia intensiva open è ormai considerata parte della terapia stessa. Il supporto dei parenti è considerato un elemento fondamentale per migliorare le probabilità di guarigione. Implica anche una facilitazione delle comunicazioni con i familiari grazie alla prossimità fisica. Si tenta di sopperire con l’uso della tecnologia e delle videochiamate quando possibile.

Mascherine, camici, schermi oculari: questi materiali scarseggiano ancora negli ospedali. Il professor Lopalco, l’epidemiologo scelto dal governatore Emiliano per gestire all’interno della task force pugliese l’emergenza ospedaliera in Puglia, è stato oggi ospite della trasmissione di Michele Mirabella su Rai Tre, “Tutta Salute”. In questa occasione Lopalco si è mostrato sollevato, poiché ritiene che il momento più duro sia stato superato, anche in merito alla gestione degli scarsi dispositivi di protezione per il personale sanitario. 

Ieri sera infatti, all’aeroporto di bari Palese l’esercito ha consegnato 60 mila mascherine alla Protezione Civile, destinate proprio alle strutture sanitarie regionali. 

Molte sono state le speculazioni sulle mascherine, diverse truffe e furti. Si tenta ora di arginare questo fenomeno.

Mascherine obbligatorie in alcuni comuni: autonomia agli Enti Locali. Non c’è una direttiva nazionale. 

Il governatore della Toscana Rossi, allineandosi all’iniziativa lombarda, distribuisce mascherine alla popolazione. Anche in Lombardia infatti saranno messe a disposizione dei cittadini i dispositivi di protezione facciale e pare sia in procinto di essere sancito l’obbligo di indossare questi dispositivi per tutti coloro che escono di casa. Rossi si è sentito con Decaro e con l’ANCI affinché le mascherine giungano a tutti i comuni, di tutte le regioni. 

PUGLIA

Intanto a Noicattaro dalla mezzanotte di ieri è scattato l’obbligo di indossare mascherine o altri dispositivi di protezione su naso e bocca, come sciarpe o foulard e simili in mancanza di dispositivi certificati. L’ha decretat il sindaco del comune barese, Raimondo Iannone, firmando l’ordinanza che sarà valida per ora fino al 13 aprile.

Tanti ancora i trasgressori. Previsioni per Pasqua, pasquetta e per l’estate

Tanti ancora i trasgressori: 2 mila denunciati in tutta Italia nella sola giornata di sabato. 

Pasqua e Pasquetta: no alle uscite fuori porta (di casa). Posti di blocco e controlli.

Strutture alberghiere: federalberghi chiede aiuti economici se le strutture ricettive e gli stabilimenti balneari dovranno restare chiusi per tutta l’estate.

Decaro: “immagino un’estate in cui non si potrà stare vicini, anche in spiaggia. Dovremo evitare contatti sociali per evitare che il virus si diffonda di nuovo” e promette: “grande festa in piazza a Bari alla fine dell’emergenza”.

ESTERO

5 mila morti in Inghilterra. Discorso della regina alla nazione ieri alle 21. Evento storico. 

5 mila morti in Inghilterra. Discorso della regina alla nazione ieri alle 21. Evento storico ed estremamente raro, probabilmente necessario per evitare che il popolo avvertisse un vuoto di potere o considerasse deboli le istituzioni del reame. Infatti dopo il discorso della Regina Boris Johnson ha annunciato il suo ricovero a causa del contagio da coronavirus. 

Giappone – USA – Iran – Afghanistan

Giappone verso lo stato di emergenza. Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di casi, l’Italia quello con il numero più alto di vittime. In Iran più di 60 mila contagi, aumentano anche in Afghanistan. 

TECNOLOGIA

Telegram e Ministero della Salute: un canale verificato aiuta a filtrare le fake news 

Tecnologie spaziali contro il coronavirus – fonte FASI.biz

Aperto il 13 marzo il bando per il finanziamento di sperimentazioni di tecnologie spaziali volte a contrastare l’epidemia da Covid 19. Le proposte progettuali possono essere presentate fino al 20 aprile dalle imprese aerospaziali.

Parte integrante della Call to Action Innova per l’Italia, il bando è stato proposto dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), in accordo con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione (MID) e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio. L’obiettivo di questa iniziativa è:

  • aiutare i cittadini e i professionisti italiani del settore sanitario ed educativo ad affrontare le sfide dell’epidemia;
  • supportare lo sviluppo e l’adozione di servizi nel campo della salute e dell’educazione per sostenere la comunità italiana;
  • dimostrare il vantaggio offerto dall’utilizzo di risorse spaziali integrate con altre nuove tecnologie;
  • offrire agli operatori economici l’opportunità di distribuire e dimostrare soluzioni applicative basate sullo spazio a vantaggio di cittadini, autorità locali e imprese.

Nel dettaglio saranno finanziati progetti sulle tecnologie dello spazio (comunicazioni satellitari, osservazione della Terra e navigazione satellitare) riguardanti due ambiti di applicazione: salute ed educazione a distanza. 

Esempi di campi di applicazione per i quali il bando prevede l’applicabilità sono: la diagnosi a distanza per i pazienti, il trattamento iniziale e follow-up dei pazienti, il supporto (in tempo reale) o la formazione al personale medico, la pianificazione delle risorse a disposizione del personale medico. 

L’ESI ha già garantito ufficialmente all’ESA l’autorizzazione al finanziamento dei progetti italiani per 2,5 milioni di euro di cui 1,5 milioni nel settore della salute ed 1 milione per l’educazione a distanza. 

Possono partecipare le aziende che hanno sede in: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. 

I servizi proposti saranno distribuiti in Italia e potranno essere dimostrati anche in altri paesi. L’ESA coprirà fino al 50% dei costi ammissibili, percentuale che può salire fino all’80% nel caso di PMI. 

Per la presentazione delle domande sono previste due scadenze: le ore 13.00 CET del 20 aprile 2020 per le proposte iniziali e le ore 13.00 CET del 18 maggio 2020 per le proposte definitive.

Segnalazioni

Fotografi per Bari – Cellule Creative. 100 foto d’autore in vendita per beneficenza, tra queste anche fotografie di Olga Diasparro, Però mi vuole Bane.

Oggi alle 18.30 inviamo in cross posting lo spot di Musica Che Cura Streaming Festival, iniziativa di Django Concerti di cui RKO è partner ufficiale. Tutto il festival in diretta sulla nostra pagina FB Venerdì e Sabato alle 18.30.

Coppia sudafricana in luna di miele alle maldive prolunga la permanenza 

Olivia e Raul De Freitas sono sudafricani, hanno 27 e 28 anni, fanno l’insegnante e il macellaio e da qualche settimana sono sposati. Dopo le nozze, in Sudafrica, sono partiti per il viaggio di nozze in un resort di lusso alle Maldive. Per via delle restrizioni dovute al contagio da coronavirus hanno dovuto restarci più del previsto e ancora adesso sono bloccati alle Maldive, in un altro resort di lusso, in attesa di poter tornare in Sudafrica. Il New York Times ha raccontato la loro storia.

In studio per questa edizione Marco Chiffi e Paola Pagone. In redazione Simona Losito e Domenico Cuoccio.

Intervista con i GADJOS

Puglia Connection. “Groove” è il nuovo singolo dei pugliesi GADJOS, Intervista con Luca Raguseo

I GADJOS sono un quartetto pop-rock italiano nato da un’idea di Luca Raguseo nel 2007 e consolidatosi nel tempo dopo vari cambi di formazione. All’attivo hanno un album di nove inediti dal titolo “Il Viaggio” uscito nel 2013, da cui è stato estratto il primo singolo e videoclip “Generazione” e un EP “Bordellandia” (2015), dal quale sono stati presentati due videoclip ufficiali “Iride” e “Rebecca, zingara dell’Est”. Nell’intensa attività live, caratterizzata da una scaletta di successi italiani talvolta condita da interessanti mash-up e da qualche standard storico internazionale, e di promozione, spiccano i palchi condivisi con Luca Persico in arte O’Zulù (99posse) e con i Litfiba. La band ha recentemente firmato con Sorry Mom!, con la quale pubblicherà il prossimo lavoro in studio.

” GROOVE è l’antipasto del nuovo progetto inedito dei GADJOS, che in questo nuovo lavoro hanno deciso di mettersi in gioco esplorando nuove direzioni nello stile sonoro e di scrittura. Un sound immediato e fresco per la prima volta entra nel dna della band: dove c’è GROOVE, c’è vita, c’è speranza, c’è amore! Alla luce di tutto ciò che sta succedendo nel mondo, dove il clima di angoscia, preoccupazione e incertezza incombe ogni giorno nella nostra NUOVA quotidianità, GROOVE assume un colore spensierato ed ottimista. “BASTA AVERE UN PO’ DI GROOVE”, ovvero liberarsi dai veleni tramite la musica, qualunque essa sia senza limitazioni di genere o altro. La musica come grande cura e unico vero messaggio di distrazione di massa. GROOVE è una canzone solare in tempi di nubi perché per noi musicisti, artisti e sognatori, il groove tornerà a battere presto su tutti i palchi d’Italia e non ci sarà virus al mondo a debellare la nostra passione e l’amore per la vita!”

Membri del gruppoLUCA RAGUSEO: Vocal
CLAUDIO RUGGERO DORONZO: Bass
BIANCA LOVERO: Guitar
VITO NICOLA LACERENZA: Drums