LA MUSICA AI TEMPI DEL COVID-19. TUTTO SI FERMA? NE PARLIAMO CON Cesare Veronico, Dino Lupelli e Augusto Masiello

Continuano i contributi su RKO, dopo l’intervento di alcuni promoter e gestori, ascoltiamo l’intervento di Cesare Veronico, direttore artistico del Medimex, Augusto Masiello presidente di Teatri di Bari e Dina Lupelli, pugliese ormai operativo da anni a Milano tra le menti più brillanti del culture entertainment nazionale. (Nella copertina foto di Gianluigi Trevisi, direttore artistico di Time Zones, alle prese con la diretta radio)

Il Medimex 2020, per ovvi motivi, è stato rinviato, ci racconta tutto Cesare Veronico di Puglia Sounds

Dino Lupelli, barese di origine ma ormai milanese d’adozione, lancia una nuova sfida, un progetto streaming per superare il momento difficile che sta subendo il mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento. Insieme alla Fondazione Cariplo, Nastro Azzurro insieme con Zero Milano nasce un format che potrebbe cambiare la fruizione della musica online e sopravvivere economicamente a questo momento molto difficile

Ascoltiamo invece l’intervento in studio del Presidente di Teatri di Bari, Augusto Masiello, in seguito alla conferenza stampa tenutasi nel Teatro Kismet sabato 7 marzo, un momento di incontro e confronto per capire come superare la crisi che stiamo affrontando in questo periodo

RKO News – aggiornamento del 10 marzo 2020 alle ore 15:00

Dopo l’estensione a tutta Italia delle misure di contenimento del Coronavirus previste dal Decreto dell’8 marzo inizialmente previste solo per la zona rossa, dopo la morte del consigliere comunale di Piacenza Nello Pavesi a causa di alcune complicanze legate al Covid-19, arriva questa mattina la richiesta da parte del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, di un incontro con il Governo per imporre misure ancora più stringenti, al fine di rallentare la diffusione dell’epidemia. Le eventuali decisioni derivanti dall’incontro, con ogni probabilità, saranno applicate a tutto il territorio nazionale. Le nuove misure potrebbero prevedere la chiusura dei negozi, lo stop dei trasporti e delle attività produttive.

Questo avviene mentre si sta tenendo il vertice tra Governo ed opposizioni. I dati riportati sono forniti dal Ministero della Salute e sono fermi a ieri sera alle 18:00:

Dei 9172 i casi totali le persone attualmente positive sono 7985, 463 deceduti e 724 guariti.

In Puglia intanto si è registrato oggi un altro decesso. La paziente di 88 anni era ricoverata dal 4 febbraio nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. Originaria di Copertino, aveva altre patologie ed era cardiopatica. Secondo una prima ricostruzione della catena del contagio, l’ottantottenne potrebbe aver contratto il virus dal medico anestesista di Copertino, risultato positivo al Covid-19.

L’ultimo bollettino regionale registra una crescita dei casi positivi al Coronavirus. Dai 44 di domenica si passa a 56 contagiati, con 12 casi in più. Quattro di questi sono in provincia di Foggia, due in provincia di Brindisi e sei in provincia di Bari.

La Regione Puglia ha aumentato il numero di posti letto in terapia intensiva e rianimazione, in attesa del picco stimato per la fine di questo mese, portandoli da 60 a 209. Il piano per la gestione dei posti letto è coordinato dal capo del dipartimento regionale Salute, Vito Montanaro, e supervisionato da Pietro Luigi Lopalco, l’esperto internazionale di epidemiologia chiamato dal governatore Emiliano per rafforzare la task force. Il piano di emergenza non impatterà sulla normale operatività della rete di emergenza- urgenza. In più, al netto delle terapie intensive, l’assistenza ai pazienti affetti da Coronavirus potrà contare su 680 posti letto disponibili nel nuovo Dea di Lecce, nell’ospedale di Copertino e nella struttura ecclesiastica Miulli ad Acquaviva delle Fonti.

Aumentare i posti letto è una misura utile e non sufficiente poiché ogni posto letto per essere efficiente dovrà possedere tutte le dotazioni necessarie. Prima esigenza è quella di reperire i ventilatori, indispensabili al superamento delle crisi respiratorie. CONSIP, Centrale Acquisti della Pubblica Amministrazione ha giudicato la prima procedura d’urgenza per la fornitura di ventilatori, dispositivi medici per la terapia intensiva e sub-intensiva, di dispositivi e servizi connessi. La gara è stata pubblicata e giudicata in 5 giorni e permetterà di dotare 5mla posti letto di terapia intensiva.

Altra notizia di oggi è che un’azienda italiana ha messo a punto un nuovo test rapido di Coronavirus che consentirà di avere il responso in un’ora contro le 5-7 ore previste attualmente. Sarà reso disponibile allo Spallanzani di Roma ed al San Matteo di Pavia. 

Nelle carceri sembra essersi tranquillizzata la situazione, ma si registrano altri 3 decessi a Rieti dopo le rivolte di ieri. Il Penitenziario parla di overdose dopo il saccheggio dell’infermeria. 

Per quanto concerne le misure di sostegno economico il Governo, con il Ministro Patuanelli  si prepara a varare un documento che preveda la sospensione di tasse e bollette

la musica ai tempi del Covid-19. Tutto si ferma. Ne parliamo con alcuni esercenti e promoter baresi

La musica ai tempi del #coronavirus. Intervengono il Demodè CLub, Fix It Live, La Ciclatera, Joy’s Pub e Buò.

Il periodo che stiamo vivendo è molto difficile e impone molti sacrifici. L’epidemia del Covid-19 ha colpito molti settori (se non tutti!) e soprattutto il mondo dello “spettacolo”, locali, club e luoghi di intrattenimento culturale chiudono per rispettare le regole sanitarie imposte dallo Stato italiano. Qui trovate alcuni interventi di amici gestori che stanno affrontando questo momento di crisi, partendo da Dario Boriglione, responsabile del noto Demodè Club che ha lanciato nel weekend un’iniziativa molto divertente, la musica non si ferma, un “social party” in diretta dal club, ovviamente vuoto.

Altro luogo di intrattenimento molto frequentato è il Fix It Live in via Quarto a Bari. Anche il responsabile Giovanni Moretti ha optato, prima del decreto nazionale, per la chiusura, come gesto giusto e socialmente utile per frenare il divulgarsi del virus. Chiaramente con un indotto negativo economico importante.

Altro luogo d’incontro è sicuramente La Ciclatera, tappa non solo per pugliesi ma soprattutto per i molti stranieri che ormai affollano le strade del borgo antico di Bari. Ecco l’intervento di Massimo Vox

Ancora una voce importante, quella di Marco Protano, gestore del noto Joy’s Pub, responsabile del progetto MEST per il quartiere Madonnella. Un pub irlandese crocevia di tantissimi ragazzi, italiani e stranieri, ristrazione ed intrattenimentonoto anche per la sua festa di San Patrizio, che quest’anno per ovvi motivo non avrà luogo

Abbiamo ascoltato anche la voce di Pina Cotroneo, speaker di RKO nello spazio gestito della Ribellule Isteriche, responsabile anche del ristorante bio Buò, luogo a metà strada tra cibo consapevole ed intrattenimento