Intervista con i Crampo Eighteen

In studio i Crampo Eighteen. Nino Colaianni e Vanni Sardiello ci raccontano le tappe della nascita ed evoluzione di questo nuovo progetto rock

Crampo Eighteen è il progetto solista di Nino Colaianni ex membro  e co-fondatore della band cult di Hard-psichedelica italiana THAT’S ALL FOLKS!

All’attivo due album “Monkey Garden” – 2018 e “The Man With One Ear” – 2016 Nei sei brani di “Monkey Garden” Nino Colaianni (Vocals, Guitars, slide gtr, basso, drum machine, synth) – Claudio Colaianni (drums on 3 e 5)Damiano Ceglie (drums on 6) – Pasquale Boffoli (Armonica su 3 e 5). Batteria registrata al  Tiberstoned studio da Lorenzo Signorile (Creepy green light project studio) – Tutti i brani sono scritti, arrangiati, registrati e mixati da Nino Colaianni.

Durante i concerti Crampo è supportato da tre vecchi colleghi: Michele Danza – basso (Feltura), Luca Stero – chitarra (TAF, Anuseye), Vanni Sardiello – batteria (Veronica Voss, Comfy Pigs).

qui la puntata completa di intervista e musica

Il 13 febbraio è la Giornata Internazionale della Radio

Oggi, 13 febbraio è il World Radio Day (WRD), la Giornata Internazionale della Radio. L’appuntamento annuale è stato proclamato nel 2011 dagli Stati membri dell’Unesco e adottato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2012.

La radio è da sempre un mezzo molto potente per celebrare l’umanità in tutta la sua diversità e costituisce una piattaforma per una narrazione democratica – come si legge sul sito Unesco. A livello globale resta il mezzo di comunicazione più utilizzato, in tutte le sue forme. Grazie alle nuove tecnologie offre una gamma infinita di programmi, punti di vista e contenuti, rispecchiando le differenze del pubblico e delle organizzazioni.

Anche da RKO celebriamo la diversità e l’unicità dell’esperienza radiofonica unendoci all’appello dell’UNESCO per:

  • chiedere pluralismo, promuovendo l’esistenza di emittenti pubbliche, private e di comunità;
  • incoraggiare la rappresentanza, con redazioni composte da gruppi sociali variegati;
  • promuovere la diversità dei contenuti editioriali e della tipologia di programmi, rispecchiando la varietà del pubblico.

Per maggiori dettagli sulla campagna vi invitiamo a consultare la sezione dedicata del sito web UNESCO: https://en.unesco.org/commemorations/worldradioday