Sabato 10 ottobre Time ZOnes 2020 ospiterà le performance di Caterina Barbieri e Hassan K

Sabato 10 ottobre, ore 21.00, parte la quarta serata di #TimeZones2020 al Teatro Kismet, saranno di scena Caterina Barbieri e Hassan K

Caterina Barbieri, autrice ed esecutrice di composizioni elettroacustiche, soprattutto basate su oscillatori analogici, nata nel 1990 e diplomata al conservatorio in chitarra classica e composizione elettro-acustica. La sua produzione, iniziata come Odisseo Undular, è poi proseguita attraverso Vertical (del 2014 per Important Records), per voce e sistema modulare Buchla 200, che l’ha fatta conoscere tra gli addetti ai lavori e le riviste specializzate, e Patterns Of Consciousness (del 2017 con endorsement di Alessandro Cortini dei Nine Inch Nails), prodotto unicamente con sintetizzatori analogici. Del 2019 è invece Ecstatic Computation, il primo sulla rinomata Editions Mego, «un viaggio tra estasi e stati di trance attraverso arpeggi di synth complessi, minimalisti e psichedelici», per la definitiva consacrazione per una compositrice il cui nome è diventato immancabile all’interno delle line up dei principali festival musicali internazionali.

Hassan K prima che musicista è un ingegnere esperto di design interattivo. Docente ed esperto di interazioni collettive. Compositore elettronico, da 10 anni è in tournée con il progetto musicale Hassan K, in cui usa vari strumenti digitali e mescola la musica tradizionale mediorientale con l’avanguardia e la musica occidentale estrema, di lui si dice che è una “mystic one man band from Persia”. Una sorta di open source, artista fai da te, Hassan miscela folklore e tecnologie, musica surf e danza del ventre, swing ed heavy metal… in folli atti di pura estasi.

#timezones2020

GLI OASIS CELEBRANO IL 25° ANNIVERSARIO DI‘(WHAT’S THE STORY) MORNING GLORY?’, guardatevi l’ INTERVISTA ESCLUSIVA A NOEL GALLAGHER

AvantPOP News: dopo l’enorme successo dell’album di debutto “Definitely Maybe” che ha reso gli Oasis un vero e proprio fenomeno culturale, il secondo album “(What’s The Story) Morning Glory?” cementa il loro impatto anche nei decenni a venire. Diventa l’album più venduto nel Regno Unito degli anni ’90, trascorrendo un totale di dieci settimane in cima alle classifiche ufficiali, ed è attualmente il quinto album più venduto nella storia degli album del Regno Unito. A livello internazionale, l’album è entrato nella Top 10 di tutti i principali mercati con un totale di vendite che supera i 22 milioni. Pubblicato originariamente nel 1995, “(What’s The Story) Morning Glory?” compie 25 anni il 2 ottobre. Per l’occasione, la band celebrerà l’anniversario con una settimana di attività su YouTube Music. Nuovi video ufficiali in versione HD con audio rimasterizzato dei singoli “Wonderwall“, “Don’t Look Back In Anger“, “Some Might Say“, “Roll With It“, “Morning Glory” e “Champagne Supernova” saranno disponibili nel canale YouTube Music degli Oasis.

Con il lancio di ogni video ufficiale in HD verrà inoltre pubblicata una nuova gamma di prodotti esclusivi che includono magliette in stile vintage che replicano i design originali del 1995 con le illustrazioni ed il classico logo “Decca” del gruppo. In una nuova intervista video esclusiva “Is This Tomorrow?“, Noel Gallagher torna nei leggendari Rockfield Studios (Galles) per la prima volta da quando la band registrò l’album, e condivide con i fan i suoi ricordi e riflette sulla importantissima eredità dell’album

In occasione dell’anniversario, il 2 ottobre, c’è stata la Premiere di YouTube che ha incluso un evento ufficiale in cui è stato riprodotto l’album e c’è stato un momento Singalong, inclusa la condivisione dei video in HD con audio rimasterizzato. I fan sono stati invitati a unirsi alla celebrazione e rivivere quella incredibile giornata dell’ottobre 1995 da casa, condividendo le proprie foto e video con l’hashtag #SomeMightSing e #MorningGlory25 tramite i canali social degli Oasis. Sempre il 2 ottobre, gli Oasis hanno pubblicato anche una edizione limitata in vinile di “(What’s The Story) Morning Glory?”

 L’anniversario di “(What’s The Story) Morning Glory?” rinforza la relazione di lunga data tra YouTube Music e gli Oasis, in cui la piattaforma è da sempre fattore determinante per le nuove generazioni di fan che nel tempo hanno scoperto la band attraverso i video. Queste celebrazioni porteranno infatti il canale YouTube degli Oasis a superare i 2,4 milioni di iscritti, con visualizzazioni totali destinate a superare il traguardo dei 2 miliardi. Le due versioni del video “Wonderwall” hanno raccolto oltre 650 milioni di visualizzazioni.

Dan Chalmers, Direttore Musica di YouTube EMEA afferma: “Oasis were true pioneers of their time who made extraordinary albums and countless great songs. It’s an honour to work with such a legendary band, one that has truly defined a generation of British music, and we are thrilled to bring audiences old and new together to enjoy the 25th anniversary of their seminal album ‘(What’s The Story) Morning Glory?’”

Avantpop, spazio di informazione musicale con Carlo Chicco, in onda il martedi e giovedi alle 18 su RKO

Anche per i White Stripes è tempo di “greatest Hits” ma c’e’ anche una sorpresa per i fan!

AvantPOP News: La Third Man Records e Columbia Records annunciano la pubblicazione dell’album  The White Stripes Greatest Hits il prossimo 4 dicembre!!

L’album è la prima raccolta ufficiale di registrazioni dell’iconico duo rock, Jack e Meg White, e contiene ben 26 brani essenziali rappresentativi della loro intera carriera: dallo scintillante esordio alla fine degli anni Novanta agli inni underground dei primi anni 2000, dai magici momenti di MTV Moon Man alle acclamazioni dei Grammy e ai cori da stadio in tutto il mondo, le canzoni di questo Greatest Hits contribuiscono ad evidenziare un percorso musicale e una carriera artistica di incredibile livello. L’album è disponibile in formato CD, 2LP ed in digitale (streaming e download). Un’edizione limitata deluxe e la versione in vinile colorato di The White Stripes Greatest Hits sarà disponibile nel pacchetto Vault Package #46 della Third Man Records. 

Vent’anni fa, un fratello e una sorella salivano nell’attico della fattoria di famiglia nel sud-ovest di Detroit e registravano una cover di “Moonage Daydream” di David Bowie, scatenando qualcosa in loro stessi e portandoli a prendere coraggio ed esibirsi in una serata amatoriale con voce chitarra e batteria il giorno della celebrazione della presa della Bastiglia. In quello che è poi sembrato un turbine del tutto imprevisto, registrano e pubblicano due singoli per un’etichetta indie locale. Subito dopo, un’etichetta indie (non così locale!) si offre di pubblicare il primo album completo. Partono in tour. Arriva un altro album. Altri tour. Un altro album ancora. Le persone iniziano veramente a prestare attenzione a questo duo. Tour senza sosta, album, riconoscimenti, il sogno più impossibile che diventa realtà. Il duro lavoro e la dedizione che i White Stripes hanno mostrato sin dall’inizio della loro carriera è ciò che li ha resi famosi in tutto il mondo ed è ciò che si evince dal percorso ricostruito attraverso questo The White Stripes Greatest HitsNell’era dello streaming, in cui l’idea di un “Greatest Hits” può sembrare irrilevante – dato che le canzoni più ascoltate in digitale sono considerate esse stesse le effettive “hit”, crediamo fermamente che le grandi band meritino dei “Greatest Hits” e che una grande parte dei successi della Third Man Records e dei White Stripes siano stati costruiti proprio cercando di dribblare questo fermento incontrollato del mondo della musica. Quindi, per una grande band con grandi fan, una compilation dei più grandi successi non è solo appropriata, ma assolutamente necessaria! 

In puro stile White Stripes, la band rivela solo una delle ventisei canzoni incluse nella tracklist, ossia “Ball and Biscuit“, mantenendo tutte le altre coperte dal mistero. Assicurandosi però che questa celebrazione speciale inizi con un pieno coinvolgimento, la band ha scavato nei propri archivi ed ha deciso di condividere il video di una performance live mai pubblicata del medesimo brano eseguito durante il concerto allo Shibuya-AX di Tokyo – Giappone il 22 ottobre 2003. Girato con quattro videocamere, il tour rappresentava il terzo viaggio della band in Giappone e il secondo di sei date nel paese nipponico. Per l’occasione, tutti i rivoluzionari video musicali ufficiali dei White Stripes verranno ripubblicati in alta definizione come parte del grande progetto Greatest Hits durante il mese di dicembre.

 Inoltre, per i fan di lunga data, la Third Man Records ha in programma di pubblicare una raccolta ampliata con un terzo LP aggiuntivo di b-side in gran parte dimenticate (all’interno del Vault Package #46). Per la versione Vault, i primi due LP contenenti i brani originali vengono stampati su vinile colorato rosso e bianco mentre il terzo LP bonus viene stampato in vinile di colore rosso / bianco / nero effetto “detonation”. La versione Vault del Greatest Hits include anche le illustrazioni iconiche del collaboratore di lunga data dei White Stripes Rob Jones (diverse da quelle dalla versione standard). La confezione contiene anche tre serigrafie di Rob Jones e un set di poesie a tema White Stripes. Per iscriversi prima della scadenza del 31 ottobre: Third Man Store

The White Stripes Greatest Hits è il primo disco ad essere pubblicato nell’ambito di un nuovo storico accordo tra Sony Music Entertainment, Jack White e Third Man Records. Il nuovo accordo copre la distribuzione mondiale della maggior parte delle registrazioni di Jack White con The White Stripes, The Raconteurs, The Dead Weather e il suo lavoro da solista, rendendo così disponibile per la prima volta il vasto catalogo musicale di Jack White attraverso una sola etichetta.

Avantpop, spazio di informazione musicale con Carlo Chicco, in onda il martedi e giovedi alle 18 su RKO