Outtanowhere! QUARTA STAGIONE Puntata #4 – 8/11/2022

Scaletta

1. Low – Sunflower
2. Gorillaz – Baby Queen
3. Romare – Walking In The Rain
4. Mac demarco – Chamber of Reflection

#everydayIreadthebook con Luigi Lupo: “Sottopalco”

5. Placebo – Pure Morning
6. Ghemon – Adesso Sono Qui
7. I Cani – FBYC (sfortuna)
8. Beach House – Space Song
9. Aphex Twin – Flim

10. Curtis Mayfield – Move On Up
11. Rino Gaetano – A Mano A Mano

#2minutestomidnight
12. Jerry Lee Lewis – Great Balls of Fire

Continua la lettura di Outtanowhere! QUARTA STAGIONE Puntata #4 – 8/11/2022

“Marocco Speed”, Serena Abrami presenta i Leda: intervista a cura di Carlo Chicco

Su RKO Serena Abrami ci presenta la sua band, i Leda. I Leda sono una band alt rock. “Memorie dal Futuro” è il titolo del primo album, che esce ad aprile 2019, riscuotendo i consensi della critica di settore. All’interno, si segnalano le collaborazioni con Severini dei Gang e Paolo Bragaglia. I videoclip dei singoli “Pulviscolo” e “Ho continuato” ottengono riconoscimenti nazionali e internazionali, come la partecipazione all’“Interrobang Film Festival 2020” in Iowa. Dall’estate 2018 sino a febbraio 2020 si susseguono numerosi live in club, teatri, rassegne musicali e festival e partecipazioni in programmi radiofonici, tra cui Radio Rai Live. A gennaio 2021 i Leda registrano il secondo album. Di questo lavoro sono stati rilasciati i primi due singoli ufficiali: “Marocco speed” e “Niente è lo stesso”.  Si segnalano inoltre le loro partecipazioni all’edizione digitale del SXSW 2021 e del SIM Sau Paulo 2021. A febbraio 2022 esce il singolo “Insonnia”, terza anticipazione del nuovo album uscito il 22 aprile 2022.

Venerdì 22 aprile è uscito in copia fisica e sugli store digitali Marocco Speed (Il Piccio Records / Artist First), il nuovo album dei Leda. La band è formata da Serena Abrami (voce, chitarra acustica, synth), Enrico Vitali (chitarre), Fabrizio Baioni (batteria, electribe) e Giorgio Baioni (basso), attivi da anni in differenti progetti. Il sound dei Leda rappresenta la riuscita convergenza dei rispettivi interessi e passioni sonore: overdrive, wave, trip rock e alternative, con l’efficace e personalissima giustapposizione emotiva del timbro vocale vellutato e l’abrasività dei suoni.  

Dopo l’esordio di “Memorie dal Futuro” (2019 – Il Piccio Records / Artist First), positivamente accolto sia dalla critica che dal pubblico, il nuovo album della band presenta un sound più focalizzato ed aperto, sempre nell’ intreccio tra una certa solidità ritmica e una costante fluidità melodica. 

“Post Piano Session”, l’estro creativo di Davide “Boosta” Dileo senza confini. La nostra intervista.

Dopo “LA STANZA INTELLIGENTE” e “FACILE”, Davide “BOOSTA” Dileo – cofondatore e tastierista dei SUBSONICA nonché produttore, autore, compositore e DJ – torna in veste solita con “POST PIANO SESSION”, il suo nuovo progetto discografico diviso in sei diversi capitoli, in uscita tra settembre e dicembre. Boosta ci racconta questo nuovo capitolo artistico nel suo persorso musicale.

L’intero progetto discografico “POST PIANO SESSION” è in uscita per la TORINO RECORDING CLUB, neonata etichetta dello stesso Boosta che afferma in merito: «Il Torino Recording Club è un atelier musicale. Un’officina in cui la musica è lo strumento che uso per riparare e (ri)mettere in funzione tutto quello che mi serve per affrontare questa seconda metà della vita».

In “POST PIANO SESSION” viaggiano composizioni strumentali libere che partono dal pianoforte e finiscono nell’elettronica, passando attraverso suggestioni pienamente contemporanee. Ognuna di queste suite è parte di un concept album inizialmente pensato come un’unica opera, poi ripartita in singoli Ep, e segna il ritorno di Boosta all’elettronica: se “FACILE” è stata una dichiarazione d’amore per la musica strumentale, le colonne sonore e il classico contemporaneo puro, le “POST PIANO SESSION”, portano ad una visione più inclusiva del genere musicale di cui Davide è uno dei rappresentanti più significativi del panorama musicale italiano. «Questo disco è, semplicemente, uno strumento. La colonna sonora dei pensieri di chi lo ascolta» commenta Boosta.

«“POST PIANO SESSION – Tape 1 – racconta Boosta – è una piccola suite di elettronica e pianoforte, evocativa e romantica, con inserti di energia e ottimismo, frutto di una libertà desiderata e covata. Questo è il tempo in cui celebrare questa libertà, anche quella di un artista dai propri codici. Diventa un’esigenza, in primo luogo, e un dovere subito dopo. Perché la libertà, in qualunque ambito, è un bene in prestito se non lo metabolizziamo e difendiamo».

POST PIANO SESSION – Tape 2” esce dopo il primo ep “POST PIANO SESSION – Tape 1”. L’intero progetto discografico “POST PIANO SESSION” è prodotto da TORINO RECORDING CLUB, neonata etichetta dello stesso Boosta che afferma in merito: «Il Torino Recording Club è un atelier musicale. Un’officina in cui la musica è lo strumento che uso per riparare e (ri)mettere in funzione tutto quello che mi serve per affrontare questa seconda metà della vita».

POST PIANO SESSION – Tape 3” esce dopo i primi due ep “POST PIANO SESSION – Tape 1” e “POST PIANO SESSION – Tape 2”.

L’intero progetto discografico “POST PIANO SESSION” è prodotto da TORINO RECORDING CLUB, neonata etichetta dello stesso Boosta che afferma in merito: «Il Torino Recording Club è un atelier musicale. Un’officina in cui la musica è lo strumento che uso per riparare e (ri)mettere in funzione tutto quello che mi serve per affrontare questa seconda metà della vita».

POST PIANO SESSION – Tape 3” esce dopo i primi due ep “POST PIANO SESSION – Tape 1” e “POST PIANO SESSION – Tape 2”.

L’intero progetto discografico “POST PIANO SESSION” è prodotto da TORINO RECORDING CLUB, neonata etichetta dello stesso Boosta che afferma in merito: «Il Torino Recording Club è un atelier musicale. Un’officina in cui la musica è lo strumento che uso per riparare e (ri)mettere in funzione tutto quello che mi serve per affrontare questa seconda metà della vita».

Il 10 novembre esce il nuovo singolo di Marco Ancona. L’anteprima su RKO!

La NOS Records è lieta di annunciare l’attesissimo quarto singolo di Marco Ancona: “Dentro lei che dorme”, in uscita su Spotify e su tutti i digital stores il 10 novembre 2022, con distribuzione Believe.

Il singolo anticipa di qualche mese il primo LP del nuovo progetto solista di Marco Ancona, nome storico dell’alternative pugliese ma già ai fasti nazionali con i progetti “Bludinvidia” (Sony Music), “Marco Ancona & Amerigo Verardi” e “Fonokit”.

Il lancio ufficiale del brano è affidato alla pugliese RKO che dai propri canali social farà ascoltare in anteprima la traccia arricchito dall’intervento dell’artista. http://www.rkonair.com

I Mundial al Rock Contest di Firenze, oggi live per la 4a eliminatoria. Intervista con Roberto Mangialardo.

Il Rock Contest prosegue con le eliminatorie e conferma il grande interesse del pubblico per lamanifestazione. In scaletta ci sono anche i “nostri” Mundial! Intervista con Roberto Mangialardo.

ROCK CONTEST: LIVE IS BETTER! OGGI VENERDÌ 4 NOVEMBRE LA QUARTA ELIMINATORIA: SUL PALCO DEL GLUE ALTERNATIVE CONCEPT SPACEDI FIRENZE:
MUNDIAL (Puglia)
ORTHOPÉDIE (Toscana)
CALLIOPE (Toscana)
DINO FLANGE (Lombardia)
LAMANTE (Veneto)
CANNIBALI COMMESTIBILI (Trentino Alto-Adige)

Accedono alle semifinali anche “Wake Up In The Cosmos” e “Androgy̆nus” e si giunge così alla quarta seratadi selezione,venerdì 4 novembre, stavolta al Glue Alternative Concept Space (Viale Fanti 20, Firenze, apertura ore 21:00, inizio live ore 21:30, ingresso libero) con sei nuovi progetti dalla Lombardia, Puglia, Veneto, Trentino e Toscana: la world music elettronica evoluta dei Mundialda Lecce, l’avant jazz elettronico di Orthopédie da Firenze, l’indie pop cangiante di Calliope da Livorno, il cantautorato onirico di Dino Flange da Brescia, la forza tribale di Lamante da Vicenza, l’hard rock venato di stoner dei Cannibali Commestibili da Trento.

La 34° edizione del Rock Contest proseguirà con un’altra eliminatoria e sei band a sera, al Glue Alternative Concept Space (8 novembre). Grazie al voto del pubblico (online sul sito http://www.rockcontest.it) e della giuriaspecializzata si qualificheranno due gruppi per ogni appuntamento (con due ripescaggi). Le 12 band selezionate alle eliminatorie accederanno alle semifinali, in programma per il 17 novembre al Glue e il 24novembre al Combo. Le migliori 6 parteciperanno alla serata finale che si terrà sabato 3 dicembre al ViperTheatre. Ospite speciale sul palco della serata finaleEMMA NOLDE, scoperta e lanciata proprio dal Rock Contest. Tra i giurati già annunciati presenti alla Finale del Rock Contest Aimone Romizidei Fast Animals and Slow Kids e gli scout di: Woodworm Label, Black Candy, Locusta Booking, GRS-General Recording Studio, Dischi Sotterranei, Picicca, Ferramenta Dischi, Pulp Dischi, Asian Fake, La Tempesta, OTR Live, RC Waves.

In palio15.000 europer registrazioni in studio, videoclip, promozione, tour e tutto quello che può favorirela crescita professionale dei progetti musicali in gara: 1° e 2° Premio Rock Contest, Premio FSE/Giovanisì,Premio Ernesto DePascale, Premio Enrico Greppi “Erriquez” in ricordo del leader della Bandabardò, ilPremio Publiacqua, Italia Music Export, il Premo Rockit Pro e, con l’iniziativa “Live is better”, la possibilità disuonare nei più importanti festival italiani. Inoltre,dalla collaborazione conFondazione Toscana Spettacoloonlus eGlocal Sound, un progetto ideato dai Circuiti Multidisciplinari di Piemonte, Marche, Toscana,Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna, Veneto, LazioePuglia, nasce un’iniziativa dedicata ai musicisti e alleloro composizioni, senza limiti di genere o stile, in una generale ibridazione e commistione di forme. Tra i 30 partecipanti al Rock Contest, infatti, saranno scelti uno o più gruppi/solisti per un’esibizione al Reset Festivaldi Torino (Edizione 2023) e potranno essere selezionati per suonare in altri eventi musicali organizzati dal Circuito. Il Rock Contest è organizzato da Controradio e Controradio Club in collaborazione conRegione Toscana–Giovanisì/Fondo Sociale Europeo, Fondazione Sistema Toscana, il contributo diRegione Toscana, Comunedi Firenze e Publiacqua, il sostegno diSIAE-Società Italiana degli Autori ed Editori, sponsorB&C Speakers. Sponsor tecnici: Audioglobe e Sam Recording Studio. È possibile seguire tutte le seratein diretta videosui canali web di Rock Contest e Controradio (Facebook,Sito, Canale YouTube) dalle ore 21:30

Bari Music Week 2022, intervista con Ivan Bonatesta

Torna a Bari Music Week con un’anteprima che si terrà il 31 ottobre negli spazi del Teatro Kismet a Bari. Torna la grande musica internazionale, con live e dj-set che spazieranno dall’elettronica alla black, dall’indie all’afro-jazz, per un evento che intreccia realtà di diversa estrazione creativa per proporre al pubblico un’esperienza di ascolto assolutamente immersiva.

.Nata nel 2018 con il payoff “What a future”, Bari Music Week vuole confermare la propria identità sperimentale e proseguire nel suo percorso d’innovazione al fine di creare nuove sinergie e nuovi dialoghi sul futuro della musica, sui luoghi che essa abita e sulle sue più recenti modalità di fruizione. La scelta del Teatro Kismet di Bari ne è la conferma, in quanto luogo preposto a valorizzare un’idea di officina artistica, fucina di idee, luogo d’incontro, centro di cultura e dialoghi permanenti.
«Rimettere in moto la macchina di Bari Music Week, dopo due anni di fermo causa Covid e dopo solo 2 edizioni, non è semplice», spiega Ivan Bonatesta, direttore creativo della Bari Music Week. «

Ci stiamo mettendo tutta l’energia possibile, perché crediamo che Bari possa avere una posizione di rilievo tra le città italiane per gli eventi che si occupano di musica contemporanea. Ripartiamo da questa preview del 31 ottobre al Teatro Kismet, in attesa di annunciare le date della settimana dedicata alla musica che sarà realizzata entro fine 2022 e i grandi eventi di Bari Music Week, che si terranno entro la primavera del 2023».
La serata di preview è realizzata nella notte di Halloween in collaborazione con Bug, Soul Club, Discipline. Il nuovo spazio polivalente della SALA TEATRO ospiterà sonorità elettroniche, riportando gli spettatori alle atmosfere urbane delle grandi 

città internazionali. A partire dalle ore 23.30 si esibiranno Gae (from DISCIPLINE rec.), Alessandro Adriani (from Mannequin records, Berlin), Speaking Minds (from Circoloco, Correspondant rec) e Moderate Kingdom (from Badawï).


La SALA FOYER invece è lo spazio dell’incontro, dove normalmente si ascoltano mini live a ritmo di sonorità afro, funk, disco e house. Dalle ore 22.00 si alterneranno Gabriele PosoVito Santamato & Clud Danko (di Bug) e Andrea Fiorito (di Soul Club).
L’evento presenta inoltre l’esposizione di Talomedz Records dedicata all’ascolto di dischi in vinile con specializzazione in musica elettronica, mentre il truck food Voodofoodoo sarà presente deliziare i palati dei partecipanti.
La Bari Music Week tornerà a dicembre con la propria settimana culturale, fatta di live e dj-set realizzati da grandi interpreti del nostro tempo.

Rock Contest, al via la 34esima edizione: intervista a Giuseppe Barone

È partita la 34ma edizione del ROCK CONTEST , il concorso nazionale aperto a tutti i generi musicali, ma soprattutto un’opportunità di visibilità e crescita professionale per giovani artisti. Ne parliamo con il direttore artistico Giuseppe Barone.

Continua la lettura di Rock Contest, al via la 34esima edizione: intervista a Giuseppe Barone

Mezza strega e mezza guerriera, ecco “Vesuvia”: Meg ci racconta il suo nuovo album in studio

Meg ci racconta il suo nuovo album “VESUVIA“, l’intervista su Avantpop è di Carlo Chicco. Vesuvia è innegabilmente legato alle origini partenopee di MEG, e la scelta del titolo non è, quindi, una coincidenza. È lei stessa a spiegarlo: “Sono cresciuta alle falde del Vesuvio, la sua sagoma è casa e sento il suo richiamo sempre, anche quando sono dall’altra parte del mondo. Lo sogno di notte in maniera ricorrente: sin da bambina sono ossessionata da lui, è una presenza imponente nella mia coscienza ed è parte indissolubile di me. Ogni sua zolla, ginestra, sentiero, è come se fossero mia cellula, capello, ruga. È mia madre e mio padre. Da quando ho aperto gli occhi lui è il mio imprinting.”.


Le 12 tracce del disco si sono stratificate mese dopo mese e poi, a causa della pandemia, sono rimaste a lungo protette in un magma incubatore fino al momento del risveglio, quando, come in un’eruzione vulcanica improvvisa, in una manciata di mesi hanno dato vita a VESUVIA: il magma ha assunto un’identità propria, definita e forte che ha nutrito e guidato MEG con tutta la sua irruenza e potenza.
Le canzoni, pur avendo ognuna una propria ben definità personalità, sono pianeti dello stesso Sistema Solare, legati imprescindibilmente gli uni agli altri dalla stessa forza gravitazionale. ll Sole attorno al quale tutto si muove, è il sound dark ed elegante: i sintetizzatori, le batterie elettroniche distorte, gli arpeggiatori e la vocal production sono stati studiati ad hoc per creare l’habitat ideale di VESUVIA. “Una tana scura, una casa-cratere, un tempio nascosto in cui accadono riti solenni, dove si piange per un mondo che va a rotoli e dove si ride fino alle lacrime, perchè la vita è un magma di macigni di dolore e gioia leggera.”.


Il disco è stato anticipato dai singoli “Non ti nascondere” – una vera e propria poesia esistenziale, un elogio dell’unicità –  “FORTEFRAGILE” – una celebrazione dell’affascinante natura umana che oscilla tra fragilità e tenacia – e “Arco e Frecce” feat. Altea, Alice, SANO E specchiopaura dei Thru Collected – un vero e proprio “stream of consciousness” in cui la cantautrice e produttrice  ha immaginato di addentrarsi in una selva oscura.

VESUVIA” è stato prodotto dalla poliedrica MEG insieme alle preziose collaborazioni di Frenetik, Orang3, Fugazza, Suorcristona, Tommaso Colliva e David Chalmin e mixato e masterizzato da Andrea Suriani. Vanta al suo interno i preziosi feat. di Elisa ed Emma (nel brano “Aquila“), di Altea, Alice, SANO e specchiopaura del collettivo napoletano Thru Collected (nel brano “Arco e Frecce“), del nuovo talento hard neomelodic NZIRIA (nel brano “Napolide”) e della pianista francese di fama mondiale Katia Labèque (nel brano “She’s calling me“).

TRACKLIST VESUVIA
1. NAPOLIDE (feat. NZIRIA) 
2. SOLARE 
3. AQUILA (feat. Elisa & Emma) 
4. NON TI NASCONDERE 
5. PRINCIPE DELLE MIE TENEBRE 
6. SCUSA SE SONO FELICE 
7. CIGLIA 
8. ARCO & FRECCE (feat. Altea, Alice, SANO, specchiopaura) 
9. FORMICHE 
10. FORTEFRAGILE 
11. SHE’S CALLING ME (feat. Katia Labèque) 
12. GRAZIE

Outtanowhere! QUARTA STAGIONE Puntata #3 – 25/10/2022

Scaletta

1. Wet Leg – Ur Mum
2. Arctic Monkeys – There’d better be a mirrorball
3. Young Fathers – I Saw
4. Goat – Under No Nation
5. Dry Cleaning – Stumpwork

#everydayIreadthebook con Stefano Lavermicocca “Ultimo Tour”

6. Against Me! – I Was a Teenage Anarchist
7. Rancid – Time Bomb
8. Lagwagon – To All My Friends
9. The Clash – Police On My Back
10. Propagandhi – Anti-Manifesto

11. Leftfield feat. Grian Chatten – Full Way Round
12. Orbital & Sleaford Mods – Dirty Rat

#2minutestomidnight
13. Amyl and The Sniffers – GFY

Continua la lettura di Outtanowhere! QUARTA STAGIONE Puntata #3 – 25/10/2022

Lo Specchio Rotto. Attenti ai pezzi di vetro!

Lo specchio si è rotto, e un po’ anche noi ci siamo rotti. Ma restiamo qua, tranquilli. Restiamo qua a cercare qualcosa di buono tra i pezzi di vetro taglienti rimasti sul pavimento, restiamo qua a far sventolare la bandiera malridotta di Dikotomiko, e continuiamo ad occupare lo scantinato di RKO Radio.

Non è purtroppo l’autunno del 1969, ma è comunque autunno: la stagione delle ripartenze. In questi giorni le voci migliori della nostra web radio ricominciano a farsi sentire, e anche noi cominciamo una nuova – si fa per dire – avventura. Lo Specchio Rotto è un podcast molto semplice, scollegato dalla realtà contemporanea, e concepito come una rassegna cinematografica virtuale. Una rassegna che segue il modello che in inglese risponde al nome di double bill, ovvero due film al prezzo di uno. In realtà in ogni puntata delLo Specchio Rotto parleremo di un solo film, ma ci sarà un filo rosso, un collegamento tematico, con il film della puntata successiva. Poi si cambia, altri due film e due puntate con un altro tema in comune, e così via. Non è escluso che tutto ciò si trasformi presto in una rassegna vera e propria, al cinema, con lo schermo, le poltroncine, il buio, e i commenti a fine proiezione, avete presente?

Continua la lettura di Lo Specchio Rotto. Attenti ai pezzi di vetro!